Utente 342XXX
Buongiorno Dottori,
sono stata indirizzata al neurochirurgo ma non sono sicura che il mio problema sia di competenza neurochirurgica.Sono due anni che cerco di risolverlo e vengo rimbalzata da uno specialista ad un altro...
Circa due anni fa mi sono accorta che tra mento e labbro, sul lato destro, c'era un gonfiore interno alla cute.
Rivolgendomi al medico di base venni inviata dal dermatologo. Questi mi disse che non era cosa di sua competenza e mi indirizzò al chirurgo maxillo facciale.Mi prescrisse un'ecografia cute e sottocute dalla quale non risultarono lesioni o anomalie.
Al reparto maxillo facciale ( tra parentesi in questo reparto sono stata operata ai mascellari per malformazione con malocclusione ma quel gonfiore esisteva già da prima ) trovai un medico giovane che accennò alla possibilità si trattasse di calcoli salivari.Mi inviò da un otorino che escluse si trattasse di calcoli salivari.Niente dolore ).A sua volta l'otorino mi mandò dal chirurgo plastico perché sospettava linfedema.
Prima di rivolgermi al plastico chiesi consulto invano al dentista.Ebbi occasione di vedere il primario del reparto maxillo facciale ma neanche lui mi diede una risposta e confidò nel plastico.
Dal plastico sono stata due volte .La prima volta mi disse:"Lasciamo passare un anno.Lei torna da me ed eventualmente in caso di crescita si fa una nuova ecografia cute e sottocute".
Nel frattempo ho avuto occasione di essere visitata per altri motivi da un chirurgo esperto del medesimo reparto maxillo .Anche secondo questo chirurgo la competenza era del plastico.
Trascorso l'anno sono tornata dal plastico.
Sentivo sintomi che l'anno prima non sentivo: insensibilità e una specie di formicolio.Oltretutto con la lingua,all'interno della mucosa,sento un rilievo come una vena.Dall'altro lato nulla.Inoltre il mio labbro pende dal lato del gonfiore quasi avessi una paresi che non ho.La cosa più brutta è che perdo saliva senza accorgermene finché qualcuno in famiglia non me lo fa presente.Non mi sento cioè il mento bagnato di saliva....
Il chirurgo plastico sospetta che si tratti di un problema di un nervo periferico del nervo mandibolare e cioè un problema al nervo del mento.
Mi ha preparato un'impegnativa per il neurochirurgo riportando nell'impegnativa le parole IPOESTESIA NERVO MENTALE E INCONTINENZA SALIVARE.
Avendo girato vari specialisti ed essendo il problema importante per me da un punto di vista funzionale ( mi sbavo ) e anche estetico ( le labbra restano inclinate ,storte), mi sto chiedendo se il neurochirurgo possa essere veramente lo specialista adatto per me e, se sì, che soluzioni mi si prospettano davanti: un intervento chirurgico forse?
Vi sarei molto grata Dottori se voi potreste dirmi se ciò che ho è di vostra competenza davvero? Non del maxillo vero,visto che disse di no?
Non vorrei compiere l'ennesimo passo sbagliato.Voglio risolvere questo fastidioso problema...
Ringraziandovi per la cortese attenzione, Vi saluto distintamente.

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
a distanza è davvero difficile capirne la causa senza vedere direttamente " l'anomalia " e senza valutare eventuali altri segni oggettivi che possano evidenziarsi solo con l'esame clinico.
Se gli specialisti consultati hanno escluso la loro competenza, è possibile che questa sia del neurologo/neurochirurgo, seppur non credo che ci sia una indicazione chirurgica.
Credo che vadano eseguiti ulteriori approfondimenti che andranno prescritte dopo la visita.

Cordialmente
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 342XXX

Molte grazie Dr.Migliaccio