Utente
Dottore Buongiorno sono anni ormai che soffro di mal di schiena ultimamente i dolori sono sempre piu forti e duraturi nonostante le terapie tipo piscina tens antiinfiammatori miorilassanti cortisone ecc.
ecc.
dalla risonanza che allego il neochirurgo ha evidenziato due ernie al disco pero’ nessun consiglio cosa fare dovrei decedere io cosa fare, operarmi o no
RAM RACHIDE LOMBOSACRALE 03-12-2019
Rettilineizzazione con perdita della fisiologia lordosi lombare.

Diffuse e lievi alterazioni spondilosiche caratterizzate da minute appuntimenti osteofitosici marginosomatici e rimaneggiamento osteo-artrosico delle articolazioni inter vertebrali, caratterizzato da svasamento osteofitosico dei bordi apofisari.
Peraltro nei limiti le dimensioni del canale spinale.
Tutti i dischi inter-vertebrale lombari presentano vario grado di riduzione dello spessore e del segnale, in rapporto afatti degenerativi.
Al passaggio l3-l4 presente voluminoso bulging circonferenziale ad ampio raggio che determina una compressione sul sacco durale, determina lieve impronta paramediana destra che determina compressione del sacco durale, e impegno dei forami di congiunzione omolaterale e possibile conflitto radicolare a tale livello, a livello preforaminale sinistra e’ presente ernia protusa, parzialmente migrata cranialmente che comprime il sacco durale e impegna il forame di coniugazione di sinistra in verosimile conflitto radicolare omolaterale.
Al passaggio l4-l5 presente bulging circonferenziale ad ampio raggio che determina compressione sul sacco durale in entrambi i forami di congiunzione in particolare a destra in possibile conflitto radicolare omolaterale.
Al passaggio l5-s1 e’ presente bulging circonferenziale con presenza di minuta protusione erniaria preforaminale sinistra in possibile conflitto radicolare a livello del forame di coniugazione omolaterale.

Nei limiti il segnale cono cauda.
Nei limiti il segnale dell’osso.

Con questa diagnosi lei cosa mi consiglia.

La ringrazio infinitamente per la sua risposta.

[#1]  
Dr. Raffaele Scrofani

24% attività
8% attualità
12% socialità
TRIESTE (TS)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Buongiorno, per poterle rispondere e darle un indicazione su cosa fare per migliorare i suoi disturbi, dovrebbe farsi visitare e nel contempo trovare una correlazione tra i suoi disturbi e le immagini radiologiche.

Purtroppo il solo referto non è sufficiente.


a disposizione
Dr. Raffaele Scrofani
www.neurochirurgiaitalia.it
raffaele.scrofani@neurochirurgiaitalia.it
WhatsApp: 370 3345607