Utente
Sono una ragazza di 19 anni,questo problema va avanti da quattro mesi circa ma ultimamente è peggiorato.Per essere precisi mi era gia successo in passato (due anni fa) ma per fastidio e durata si è rivelato un disturbo trascurabile.
Il problema si presenta così: quando mi trovo in posizione sdraiata, la parte esterna della coscia destra inizia a formicolarmi in modo lieve, pochi minuti dopo il fastidio si intensifica fino a quando la coscia perde gran parte della sensibilità (dato che mi è difficile percepire la mano sulla coscia).
Passati altri minuti l'insensibilità se ne va ma al suo posto compare un bruciore molto acuto ma difficile da descrivere il quale compromette il mio sonno.Questa sensazione persiste e l'unico modo per alleviarla ho scoperto essere quello di sdraiarmi spostando il peso del corpo sulla coscia dolorante (dormendo rivolta sul lato destro).
Ultimamente però facendp questa operazione percepisco che all'interno della gamba ci sono dei punti (uno in particolare)che sembrano essere delle "sporgenze. Queste ultime sono però invisibili se osservo la coscia e non percepibili al tatto.
Cosa può essere? Presto andrò dal medico ma dato che da parecchio tempo sono lontana da casa per motivi di studio, volevo prima avere delle indicazioni sul mio malessere. Grazie in anticipo per la sua risposta.
Cordiali saluti, Mic.

[#1]  
Gentile signorina,
i Suoi sintomi non sono facilmente diagnosticabili a distanza.
Il fatto che il fornìmicolio aumenta in posizione sdraiata potrebbe far pensare alla irritazione della radice lombare da stiramento in prossimità di una protrusione del disco, come anche la diminuzione o scomparsa quando si appoggia sul fianco omolaterale al fastidio.
Sono ovviamente, le mie, delle pure congetture che possono essere confermate o meno solo dopo un accurato esame clinico.
Consulti lo specialista e se vorrà, ci faccia sapere il suo parere.

Cordialmente