Utente
Buonasera, ho 36 anni e da qualche mese ho notato che quando uso il telefono cellulare avverto un senso di mal di testa diffuso che al termine della conversazione permane per circa un'ora concentrandosi poi sulla parte superiore e frontale della testa. Ho cambiato telefono ed è andata meglio per un pò. Da pochi giorni è ricominciato il disturbo. Circa un anno e mezzo fa ho fatto una risonanza magnetica cerebrale per altri motivi (soffro di cervicale, con inizio di artrosi) e dal punto di vista cerebrale era tutto a posto. Oltre a questo fastidio ho momenti di "amnesia temporanea", del tipo mi capita di soffermarmi a pensare a cosa dovevo o volevo fare o dire per frazioni di secondo (ma credo sia una questione di stress); sbandamenti e vertigini (collegate alla cervicale); solo da poco tempo ho l'impressione talvolta che la vista abbia problemi del tipo che sembra come se vedessi "più bianco, luminoso" momentaneamente.
Non so, dovrei preoccuparmi? La risonanza dovrei ripeterla per agosto 2010.
Grazie.

[#1]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non scrive nulla sulla Risonanza fatta un anno fa .

Trascrivendo il referto di questa provi a ripostare in specialità NEUROLOGIA.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie.
Referto RM encefalo: no modificaz. morfo-strutturali nè alterazioni a carico degli elem. encefalici sia della fcp che sopra-tentoriali. Complesso ventricolare di ampiezza nella norma e in asse.
Non riporto il referto della colonna cervicale.
Potreste passare voi il quesito a neurologia?
Grazie.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il Suo disturbo potrebbe avere un'origine in parte cervicale ed in parte psicosomatica. Le consiglio di effettuare una visita neurologica per valutare meglio il Suo problema.
Sarà poi il neurologo che Le prescriverà eventuali accertamenti se li riterrà opportuni.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro