Utente 470XXX
Cordiali dottori di Medicitalia,
qualche tempo (2003) fa mi sono sottoposta ad una TAC di controllo per via di piccoli ma antipatici disturbi (mal di testa, dimenticanze, ecc) e il responso è stato il seguente:

Esame eseguito senza somministrazione di M.d.C.
Iperostosi frontale interna
Il sistema ventricolare, lievemente asimmetrico A sede sopratentoriale per prevalenza sinistra, è sulla lnea mediana
Lieve incremento volumentrino degli spazi sottoaracnoidei a sede frontale bilaterale
In accordo con il clinico, si consiglia studio RM.


Che vuol dire, in parole per noi profani comprensibili, questo esito?


Come consigliato, ho fatto anche la Risonanza Magnetica, che ha dato come esito:


Il sistema ventricolare è sulla linea mediana, di normale volume e morfologia
Modesta asimmetria tra i ventricoli laterali per prevalenza del sinistro.
Normale appare il segnale proveniente dal parenchima cerebrale; solo minuta ed aspecifica iperintensità in FLAIR sottocorticale frontale sinistra.
Di normale aspetto gli spazi subaracnoidei della base e della convessità.

Anche qui, cosa vuol dire?


Premetto che mi hanno dato all'epoca una sfocata spiegazione, anzi due diverse spiegazioni ma in contrasto tra di loro, sareste così gentili da spiegarmi voi meglio?

Grazie infinite

[#1]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
senza visionare le immagini è sempre arduo orientarsi ed esprimere parei diagnostici.
L'iperostosi frontale interna, in parole povere, è solo un eccesso di osso cranico cresciuto verso l'interno del cranio. Nella maggior parte dei casi non pone problemi. Può essere però causa di cefalea.
L'asimmetria ventricolare anch'essa non pone problemi perchè puo' non aver alcun significato ed essere solo congenita.
L'iperintensità definita minuta ed aspecifica vuol dire che questa immagine appare più chiara rispetto al resto della struttura encefalica e non è specifica di alcuna patologia.
Ma quali erano le spiegazioni in contrasto fra di loro?

Stia tranquilla e, quando Le capita, prenda anche per me quell'ottimo yogourt da Renzelli.

Cordialmente
Dr. GIOVANNI MIGLIACCIO
Specialista in Neurochirurgia
Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli
C.so di Porta Nuova,23 - MILANO (MI)
Tel.: 3356320940
giovannimigliaccio@medicitalia.it
https://www.medicitalia.it/giovannimigliaccio/
giovannimigliaccio@tiscali.it
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#2] dopo  
Utente 470XXX

Gentile Dottor Migliaccio, La ringrazio innanzitutto per la risposta rapida ed esauriente.

Le spiegazioni in contrasto sono state le seguenti:
La dottoressa che ha eseguito la risonanza mi disse che probabilmente erano "difetti" congeniti, come anche lei suggerisce.
Un'altra dottoressa invece mi disse che si trattava di invecchiamento cerebrale.
E per finire, un terzo dottore, disse che pur avendo 45 anni avevo il cervello di una 65enne.
Potrà capire la confusione e la paura derivanti da queste diagnosi.

Comunque sia, anche se non c'era niente di preoccupante, le dimenticanze c'erano e ci sono tutt'oggi (il cognome delle persone, le località, eccetera, piccoli dettagli ma fastidiosi.)

Però sinceramente ho pensato di ripetere la risonanza, e credo che presto o tardi lo farò, tanto per esseri sicuri.

Lei cosa mi consiglia?

Cordiali saluti e grazie ancora!

[#3]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
La risonanza non ha messo in evidenza segni di atrofia cerebrale, ovvero di riduzione della corteccia cerebrale,("...Di normale aspetto gli spazi subaracnoidei della base e della convessità...")
quindi credo che non ci siano problemi di invecchiamento precoce.
Inoltre quei disturbi della memoria, in effetti non lo sono: dimenticare un nome, una località, di comprare il dentifricio ecc., sono degli aspetti del tutto normali in ogni persona.
I deficit di memoria seri sono tutt'altro, come non ricordarsi la strada di casa, o non riconoscere un posto abituale ecc.
Stia pertanto tranquilla.
Se i Suoi "sintomi" sono solo questi, può anche evitare di rifare la RNM.
Disponibile per eventuali ulteriori chiarimenti, Le invio cordiali saluti

Dr.G.Migliaccio
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano

[#4] dopo  
Utente 470XXX

Gentile Dr. Migliaccio, non posso fare altro che ringraziarLa nuovamente per il Suo interessamento e soprattutto per le parole rassicuranti.
Purtroppo non tutti i dottori sono professionali e soprattutto umani, per cui può capitare che su una stessa cosa diversi medici diano diverse spiegazioni, senza pensare al panico che possono scatenare negli ignari pazienti!
Sì, per adesso le dimenticanze sono queste, come già detto niente di serissimo (come dimenticare dove si abita, eccetera) solo piccoli fastidi, per cui per il momento non credo che mi sottoporrò ad alcuna tac o risonanza magnetica.
Le rinnovo i miei ringraziamenti aggiungendo i miei più cordiali saluti.
Buona serata.

Francesca.

[#5]  
Dr. Giovanni Migliaccio

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2006
Gentile signora Francesca,
mi fa piacere che si sia tranquillizzata.
Se ha bisogno ancora di contattarmi, lo faccia senza remore.
Cordiali saluti e buona serata anche a Lei.

Giovanni Migliaccio
Giovanni Migliaccio, M.D., Neurochirurgo; Consulente medico legale
studio@giovannimigliaccio.it -- www.giovannimigliaccio.it
sede principale: Milano