Utente 435XXX
Gentili medici, attualmente mi trovo in carico presso l'ospedale della mia città e sto facendo vari accertamenti diagnostici (sospetta sm).
Tutti gli esami fin qui effettuati (visita oculistica, oct, risonanze - con l'ultima che ha totalmente ribaltato l'esito della prima, per la meraviglia dei dottori che mi seguono - tutti i potenziali ecc) sono risultati positivi e alterati, compresi i PEV.
E proprio a proposito di questi ultimi che vorrei porvi alcune domande (che già sto facendo/ho fatto al mio neurologo ma tant'è, li porgo anche a voi)

Nel referto dei PEV c'è scritto:
occhio dx (scacchi 31 e 15): aumento delle lantenze delle risposte corticali con ampiezze marcatamente ridotte e morfologia anomala (pnp)
occhio sx (scacchi 31 e 15): non si evidenzianno risposte riproducibili


Domande:
In concreto, relativamente all'occhio sx, cosa significa che non si evidenzianno risposte riproducibili? da quell'occhio vedo malissimo, con tante zone di ciecità, con visus con correzzione bassissimo, ok, ma pur sempre vedo, cioè non sono totalmente cieco... In concreto dunque, in cosa consiste questa assenza di segnale?

inoltre, qual'è la prognosi? la vista tenderà a peggiorare anche all'occhio dx?

Finora ho fatto (per la prima volta) solo una settimana di cortisone in endovena che non ha risolto problemi e dato benefici
(il dottore dice che il cortisone su di me non funziona...)

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
purtroppo dare una risposta a quesiti tanto specifici attraverso un consulto online è veramente difficile. Credo che la cosa più opportuna sia di parlarne con i Colleghi Neurologi che la tengono in cura e che pare stiano affrontando il problema in modo appropriato.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 435XXX

grazie della risposta.

Pongo numerose domande al neurologo che mi tiene in cura e prontamente ricevo risposte soddisfacenti.

Capisco il suo punto di vista e in effetti ammetto di essermi spinto un pò in la con le domande. Tuttavia credo sia nel mio interesse sentire diverse campane (anche se alla fine la melodia coincide) proprio per farmi un'idea chiara in merito al mio problema. Inoltre, non avendo disponibilità economiche, oltre il parere del neurologo dell'ospedale, posso sentire sentire solo voi.

Il quesito che piu di tutti mi interessava tuttavia e che qui avevo proposto (quello relativo all'assenza di risposte riproducibili) ha suscitato in me invece, sin da quando ne sono venuto a conoscenza, interesse e perplessità. E siccome non mi va di assillare il neurologo con curiosità (anzichè altro) ne fare ricerche su google in merito (che di tutto e di piu si trova e di solito porta, chi non è dotato di conoscenze appropriate come me, su conclusioni sbagliatissime) ho deciso di affidarmi a voi.

La mia era solo curiosità relativa alla corretta traduzione dell'esito dei pev dell'occhio sinistro.

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
I PEV non riguardano l'occhio, che è una struttura periferica, ma le vie di trasmissione dello stimolo visivo che dall'occhio vanno alla corteccia visiva (scissura calcarina). Purtroppo, queste vie che partono dall'occhio sinistro sono compromesse, ma ciò non significa in modo totale, infatti lei, anche se male, continua ad avere una certa acuità visiva.
Spero di aver esaudito la sua domanda e le faccio con tutto il cuore i miei migliori auguri.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 435XXX

si, grazie mille per l'esauriente risposta e per gli auguri.
Cordialità.