Utente 399XXX
Salve a tutti e mi scuso se l'argomento non è pienamente pertinente, ma ho pensato fosse quello più idoneo alla sintomatologia che ora descriverò.
La settimana scorsa ho avuto un'influenza gastrointestinale la quale, sabato scorso, ha iniziato a farsi sentire con diarrea continua. Il tutto è iniziato con un dolore al livello del torace, lieve. Il quale, in serata, ha aumentato leggermente intensità fino a sfociare nei sintomi qui descritti di diarrea. Ad un certo punto, continuando ad andare in bagno, ho cominciato a sentire come un giramento di testa, confusione, perdita di lucidità e senso i nausea e svenimento. Continuo ad andare in bagno e tornare a letto per tutta la notte.
La mattina della domenica sono a letto e accuso stanchezza, mancanza di forze, confusione, dolori allo stomaco. Ad un certo punto mi alzo per andare in bagno e già barcollo, mi tengo nell'armadio accanto, provo a farmi forza e dopo pochi passi mi aggrappo al pilastro e infine ho letteralmente perso coscienza.
Mi risveglio per terra, a causa sia del dolore piuttosto intenso alla testa (che ho sbattuto sul pavimento), sia per il freddo delle mattonelle. Non ho la forza di rialzarmi e non appena giungono i miei genitori in mio soccorso inizio ad accusare un formicolio nelle mani, braccia, piedi, mento e muscoli facciali. Dopo pochi minuti il formicolio aumenta di intensità e gradualmente perdo la mobilità degli arti e infine mi ritrovo gli arti paralizzati, completamente. Non riesco a muoverli, nemmeno un dito. Mani, braccia, piedi, gambe. Il formicolio l'ho ancora sulla bocca e riesco a parlare a stento per comunicare. Dopo pochi minuti riacquisto, gradualmente, la mobilità.

Ho curato successivamente l'influenza gastrointestinale con efferalgan e Imodium per la diarrea. Oggi sto molto meglio, ancora fastidi allo stomaco ma limitati al solo dolore addominale che si presenta soprattutto nella fase digestiva.

La mia domanda è: la paralisi, lo svenimento, da cosa sono provocati? È Normale che accada? Ne ho già parlato col mio medico curante, il quale ha espresso dubbi al riguardo. Così, su sua richiesta farò un elettroecenfalogramma per vederci più chiaro.

Bisogna tuttavia mettere in evidenza che questi sintomi qui descritti non si sono verificati solo la settimana scorsa. Due anni fa circa, sempre mentre pativo il virus gastrointestinale, ho avuto una paralisi identica a questa qui descritta, con precedente svenimento/mancamento: sono crollato per terra come un sacco di patate.
Anche anni fa lo svenimento si è verificato.
Ho sempre avuto problemi di sensazione di svenimento, soprattutto quando mi metto in piedi da posizione sdraiata o seduta.
Credo sia tutto; vi ringrazio anticipatamente per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Luciano Peccarisi

20% attività
0% attualità
8% socialità
OSTUNI (BR)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2013
Salve a lei, la diarrea protratta per diversi giorni ha potuto provocare una perdita consistente di potassio e di calcio.
la paralisi periodica ipocaliemica genetica su base autosomica dominante, può provocare, specie in occasione di intensa diarrea la sintomatologia da lei descritta a causa di disfunzioni dei canali ionici della giunzione neuromuscolare. Occasionalmente, si verifica senza motivi apparenti nelle famiglie. Si ritiene che il disturbo sia legato a problemi di controllo dei livelli di sodio e potassio nelle cellule.

Le consiglio pertanto di controllare questi elettroliti nel tempo per verificare se siano sotto la soglia della normalità.

buonasera.
Dr. Luciano Peccarisi

[#2] dopo  
Utente 399XXX

Salve, la ringrazio per l'accuratezza della risposta che non lede alla chiarezza.
Il risultato dell'EEG che ho fatto una decina di giorni fa è stato negativo: dall'esame non si evince nulla di anomalo.
Non posso dire con certezza se altri componenti della famiglia abbiano sofferto o soffrano di paralisi periodica ipocalorica... Pare che alcuni miei parenti però manifestino sintomi in parte analoghi ai miei.
Che tipo di visita dovrei fare per ulteriori accertamenti?
Questa malattia può peggiorare la sintomatologia a lungo andare? È curabile?
Spero di non andare incontro a qualcosa di terribile...
La ringrazio dinuovo per il suo squisito intervento e le auguro buone feste!

[#3] dopo  
Dr. Luciano Peccarisi

20% attività
0% attualità
8% socialità
OSTUNI (BR)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2013
Può rivolgersi a un internista. Intanto controlli la sua alimentazione, che sia ricca di elettroliti. Frutta e verdure. Se la base è genetica, non ci sono cure specifiche. Stia attento al vomito e alla diarrea, e in questo caso, ripristini subito i liquidi e elettroliti (magari con una busta di Polase). Buone feste.
Dr. Luciano Peccarisi