Utente 342XXX
Salve, da ormai qualche anno soffro di una forma di parestesie/disestesie di varia entità al lato destro del corpo, principalmente al cuoio capelluto, al viso e all'arto inferiore destro (polpaccio/pianta del piede).
E' possibile ricondurre questi sintomi al dente del giudizio inferiore destro che è effettivamente presente ?
Ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

escluderei il dente del giudizio come causa delle parestesie che riferisce.
Tali parestesie sono continuative o intermittenti?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 342XXX

Buongiorno dottore e grazie per la sua celerità.
Le parestesie sono abbastanza continuative, seppure di entità o localizzazione differente.
La mia sensazione è che il sintomo di partenza sia alla testa, forse perche è il sintomo che mi da maggior fastidio.
Aggiungo che soffro anche di disturbi cervicali,infatti talvolta mi da sollievo sgranchire il collo con movimenti rotatori.
Ho effettuato qualche anno fa (fine 2014) una EMG e una RM encefalo e colonna cervicale con MDC da cui ha segnalato:
- la tonsilla cerebellare di dx presenta una posizione piu bassa rispetto alla contro laterale.
- si apprezza una dolico ectasia dell'arteria vertebrale sx
- a livello della colonna cervicale discreto raddrizzamento della curva fisiologica del rachide
- in C5-C6 e C6-C7 il canale vertebrale appare lievemente ristretto per una protrusione posteriore delle fibre dell'anulus che deformano il profilo anteriore del canale vertebrale.

Si possono ricondurre a qualcuna di queste osservazioni i miei sintomi?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

è teoricamente possibile che le condizioni citate agli ultimi due punti possano essere una causa ma da questa postazione Le devo consigliare una visita neurologica per confermare o meno tali ipotesi.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 342XXX

Per completezza, devo dirle che all'epoca degli esami di cui sopra, feci anche una visita neurologica, da cui non emerse nulla di significativo se non:
-lieve ipopallestesia dal ginocchio distalmente a dx
-piede piatto bilat.
Mi suggerisce di ripetere la visita neurologica o sarebe preferibile contattare uno specialista differente?
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la visita neurologica è stata effettuata più di quattro anni fa, Le consiglio di ripeterla.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 342XXX

Quindi mi conferma che il neurologo è lo specialista piu indicato per i miei sintomi di parestesie/disestesie?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Certamente, è lo specialista di riferimento, poi in base ai riscontri della visita il collega potrebbe indirizzarLa verso un altro specialista se riscontra segni di competenza di altre specialità mediche o richiedere approfondimenti diagnostici o prescrivere un'idonea terapia.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 342XXX

D'accordissimo con lei nel ripetere gli esami precedentemente fatti.
Tuttavia, quando li feci nel 2014, fu proprio perche avvertivo i medesimi sintomi, per cui ogni eventuale patologia sarebbe già dovuta emergere all'epoca,o sbaglio?
Grazie

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

teoricamente è come dice Lei ma vediamo cosa dirà il collega.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro