Attivo dal 2020 al 2020
RM RACHIDE DORSALE SMDC

Indagine eseguita con acquisizioni multiplanari: sagittali stir, T1, T2, coronali T2 ed assili T2 su apparecchiatura ad alto
campo.

La valutazione del tratto dorsale risente maggiormente della presenza di artefatti da movimento rispetto all'acquisizione per il rachide lombare eseguita nella stessa seduta.



Rachide dorsale in asse con accentuazione della fisiologica curva di cifosi.



Modesti segni di spondilo-artrosi diffusi, a carattere grassoso ed ostefitario.



Conservato il calibro dello speco vertebrale.



Disomogenei fenomeni di disidratazione interessano i dischi intersomatici fino a D11

Lo spazio discale in D8-DO presenta una riduzione della sua ampiezza.



Non alterazioni di segnale nel tratto medio ed inferiore del midollo mentre cranialmente il segnale non é ben definito essendo un margine campo ed é meritevole di verifica con Rm cervicale perché con questa bobina la definizione del
primo tratto del midollo é migliore.



Presenza di artefatto da flusso liquorale.



Si rilevano alcune piccole immagini con i caratteri delle cisti para-radicolari diffuse.



Postumi di frattura disco-somatica a carico della limitante somatica superiore di L1, non ancora stabilizzati per la persistenza di una condizione edemigena a carico della spongiosa ossea che prevale sula sx del metamero dove si
rileva una depressione della marginale metamerica, con evidenza di un piccolo "naso" anteriormente.


Omolateralmente il corpo vertebrale ha ridotto la sua altezza di circa un 25%

Non alterazioni del suo muro posteriore, né disallineamenti vertebrali

Minimi esiti consolidati di impronte disco-somatiche metameriche in D11 e D12.



Non aspetli protrusivi o erniari dei dischi,

Forami di coniugazione di regolare ampiezza

I1 trofismo dei muscoli paraspinali presenta modesti segni di riduzione.


Nota: Indagine eseguita dopo frattura Vertebra.




Potreste spiegarmi facilmente, cosa significa, é necessario pure un consulto di neurochirurgia?

Grazie mille.

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
spiegare che cosa significhi il reperto di una indagine strumentale, non conoscendo alcun dato clinico del soggetto che lo ha eseguito, ha un valore praticamente nullo, essendo abbastanza spesso presente una discrepanza clinico-radiologica, per cui questo reperto di pregressa frattura di un corpo vertebrale potrebbe nel suo caso essere causa di forte dolore mentre in un altro sarebbe del tutto asintomatico. Il primo approccio alla problematica del paziente è infatti costituito dalla scrupolosa raccolta dei dati anamnestici e implica la necessità di conoscere qual è il disturbo preminente per il quale egli si rivolge al medico ovvero ad un accertamento diagnostico qualsiasi.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie mille,il disturbo preminente é il dolore nella zona della lombare,aggiungo pure un certo formicolio alle gambe.
Capisco che senza visionare le immagini nessuno potrebbe dare una risposta completa,ma alla luce del referto vorrei solo capire cosa potrebbe essere spiegato(tra tutte quelle frasi del radiologo)con il dolore che prima della frattura(ancora non ricomposta a quanto pare)non avevo.
Per esempio "Presenza di artefatto da flusso liquorale" é una cosa comune,a quale parte di vertebra si riferisce?
Mi può spiegare gentilmente???
Ovviamente capisco che la sua é una risposta a distanza,e non certa considerata la complessità della materia trattata!
La ringrazio ancora per la sua disponibilità.
P.S. non ho altre patologie o problemi di salute...

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Così come è detto, non essendo riferito a nessun metamero in particolare, non significa perfettamente nulla. Il dolore può ovviamente essere conseguenza del focolaio di frattura. Ad ogni buon conto, la situazione può solo essere chiarita facendo visionare le immagini ad un neurochirurgo che le ponga in correlazione con il suo quadro clinico ed individui, eventualmente, anche una possibilità di trattamento appropriato del suo problema.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Grazie mille, cordialmente.
Molto professionale.

[#5]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Spero le sia stato di utilità. Comunque, naturalmente solo a seguito di adeguata valutazione clinico-strumentale, si potrebbe prospettare un trattamento del focolaio di frattura della prima lombare mediante vertebro-plastica.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#6] dopo  
Attivo dal 2020 al 2020
Si,é stato davvero gentilissimo oltre ad essere estremamente professionale.