Utente
Buon pomeriggio.
Da circa due settimane soffro di dolori muscolari diffusi, a livello dei trapezi (quando li tasto), alle braccia (soprattutto avambracci) e gambe, per lo più a livello del muscolo vasto laterale e dei polpacci.
È come se avessi fatto il giorno prima allenamento.
Come se avessi acido lattico da sforzo.
Quindi è una sorta di muscolo indolenzito, muscolo che tira.
Non riesco a ricordare se ho fatto qualche movimento che abbia potuto procurare una contrattura generalizzata.
Ora, dato che sono arrivata a due settimane, ho paura.
Anzi, terrore, delle malattie neurodegenerative.
Non le nomino neanche, dato il terrore che nutro.
Questo disturbo muscolare, non localizzato ad un solo arto, potrebbe essere causato da quel genere di patologie?
Non appena cerco questo sintomo su internet, mi riporta solo e solamente a quelle patologie.
Sto impazzendo.

Spero mi rispondiate.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

Lei non deve andare in Rete alla ricerca di autodiagnosi, la medicina non funziona così.
Da quanto scrive, un’ipotesi che possiamo avanzare a distanza è la fibromialgia, ripeto, solo ipotesi.
Per una conferma o meno è necessaria una visita specialistica, per es. reumatologica o, in alternativa, neurologica.
Stia serena.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per avermi risposto, Dott. Ferraloro. Ha ragione. Purtroppo la mia ipocondria mi porta sempre alla ricerca di sintomi, di correlazioni etc. E la mia paura aumenta solamente. Avevo anche pensato di prenotare una rmn encefalo (che però, da buona ipocondriaca, ho paura di fare non per l'esame in sé ma per l'esito!), e quindi ho aspettato.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

inizi con la visita reumatologica, poi lo specialista Le dirà come procedere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro