Utente
Buongiorno dottori,
Ho 29 anni, madre affetta da sm rr, da circa una settimana ho una sensazione di spilli sotto i piedi... quando sono a riposo non sento nulla... appena Poggio i piedi o cammino inizia questo fastidioso sintomo... anche nelle dita dei piedi... non mi pare di avere perdita di sensibilità... ho provato a passare una penna sotto la pianta del piede e sento tutto... da ieri mattina ho come la sensazione di una pesantezza alle gambe... ma solo dal ginocchio in giù... ho fatto in passato visita neurologica per frequenti mal di testa e qui a casa ho provato a fare tutti gli esercizi che mi fece il neurologo a suo tempo... camminare in punta di piedi, sui talloni... stare in equilibrio ad occhi chiusi... toccare il naso con entrambe le mani e riesco a fare tutto... non è un formicolio perché quando sono seduta non ho nulla... ma appena Poggio i piedi o cammino questa sensazione inizia... E poi un’altro sintomo è che ho la parte dell’osso sacro E la zona vicino l’ano che mi pare Abbia meno sensibilità del resto del corpo... sono molto preoccupata sia sm visto che mia mamma è affetta purtroppo... attendo vostra risposta... sono molto preoccupata... sto leggendo tutti i possibili sintomi in internet... p.
s. da due settimane sto facendo 4 lampade abbronzanti a settimana... potrebbe essere questa la causa?

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Paziente,
quando si espone una fenomenologia costituita essenzialmente da disturbi soggettivi riesce sempre molto difficile dare una risposta esaustiva. Il disturbo che lei lamenta, che è ovviamente amplificato dalla compartecipazione emotiva alla patologia della mamma, consiste in una parestesia, ossia una sensazione soggettiva anomala di qualità assimilabile a punture di spilli, che può essere del tutto innocente e collegabile ad uno stato di tensione emotiva, oppure essere il sintomo di una malattia neurologica. Il mio suggerimento è di escludere del tutto la possibilità di un'auto-diagnosi fondata sulla lettura di notizie acquisite in rete, che finiscono per aumentare confusione e paura, ma se la sintomatologia persiste di rivolgersi ad uno specialista.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore.. un anno fa sono stata da un neurologo di cui mi fido molto e che a ha seguito pure mia mamma prima che andasse in pensione.. l’anno scorso sono stata lì da lui privatamente perché accusavo un senso di calore sugli arti inferiori.. visita neurologica ok e mi ha prescritto magnesio per due mesi... anche in quell occasione ero convinta di avere la sm.. fatto sta che dopo due settimane i sintomi si sono alleviati per poi sparire.. ora punture di spilli a parte, mi pare di avere la sensazione di gambe gonfie .. ma le mie gambe non sono per niente gonfie.. ho comprato una crema alla centella e quando la metto sento un po’ di beneficio.. ora la mia domanda è questa.. so che la sm non è ereditaria ma quante probabilità ho io di sviluppare la stessa malattia di mia mamma? Dato quello che le ho descritto secondo lei i miei sintomi sono riconducibili a sm ? Grazie dottore ma sono molto preoccupata

[#3] dopo  
Utente
Dimenticavo di dirle che mi pare di avere la pianta del piede gonfia.. come se avesse dell’acqua all’interno: cioè se sono a riposo non sento nulla, se invece cammino o Poggio i piedi per terra o soltanto li strofino tra di loro mi pare di sentirli molto secchi e ruvidi e iniziano le punture di spillo .. può essere un problema di circolazione? Mi ricordo che il primo sintomo di mia mamma era la parestesia ad un solo lato del corpo e mai ad entrambi

[#4]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Scusi il ritardo nella risposta...siamo ad Agosto. La sensazione che lei lamenta deve solo essere valutata clinicamente per definire di quale alterazione della sensibilità si tratti. La SM, seppur vi siano rari casi nello stesso gruppo familiare, è generalmente ad occorrenza sporadica e senza carattere di ereditarietà.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it