Utente 358XXX
Fin dalla prima infanzia, che io possa ricordare attorno ai 3 anni, mia madre sostiene invece prima, ogni qualvolta ne ho la possibilità, sento l'irrefrenabile bisogno di tamburellare con le dita su una superficie leggermente rigida ma che si sposti al mio tocco, meglio se ruvido o con qualche protuberanza (ad esempio l'angolo della federa del cuscino, angoli di tovaglie o tovaglioli quando c'è un orlo spesso, nodi al fondo del cordino delle felpe e, quando proprio non posso farne a meno, mi 'creo' con lo scotch una superficie su cui farlo, ripiegando il nastro su se stesso finché non raggiunge lo spessore adatto per poi chiuderlo con una pieghetta più sottile che mi permetta di tenerlo e gli permetta di oscillare al mio tocco). Mia madre sostiene che sia dovuto al fatto che mi ha tolto il ciuccio troppo presto ed effettivamente, osservando i bimbi con cui ho a che fare e si ciucciano il dito, i quali con la mano che non è un bocca 'giocherellano' con le dita, grattandosi la faccia, il lobo dell'orecchio o le unghie, ho trovato somiglianze con il mio movimento. A mia madre avevano detto che avrei smesso una volta cresciuta, ma ho 23 anni e continuo a farlo e se mi trovo a dormire con qualcuno, per cui non posso fare rumore o non ho una federa adatta, ho difficoltà ad addormentarmi. Ci sono stati periodi in cui lo facevo solo prima di dormire e riuscivo a resistere tutta la giornata senza farlo, ma ultimamente non riesco a farne a meno e lo faccio a intermittenza tutto il giorno (magari dopo qualche minuto smetto, ma dopo poco tempo sento il bisogno di ricominciare).
I miei genitori per tutta la mia infanzia e adolescenza hanno cercato di farmi smettere sgridandomi e arrabbiandosi, talvolta prendendomi anche in giro, ogni volta che mi vedevano, coinvolgendo anche i miei fratelli maggiori i quali, anch'essi bambini e di poco più grandi di me, mi deridevano. L'unico effetto che ha sortito questo metodo è stato il fatto che mi sono specializzata nel farlo di nascosto, nascondendo le mani, smettendo appena qualcuno mi guarda per poi ricominciare appena si gira.
In passato pensavo che prima o poi avrei smesso, ma ora mi vedo solo peggiorare e ciò mi crea non pochi disagi, materiali, come il rovinare le federe dei cuscini, il che mi suscita non pochi sensi di colpa, e sociali (le mie compagne di stanza e coinquiline sono ovviamente disturbate dal rumore tamburellante continuo, sia quando cercano di dormire che mentre studiamo insieme, i miei amici sentono il rumore e chiedono spiegazioni ma mi imbarazza dire cosa faccio e situazioni simili).
Come potrei risolvere questo problema? La forza di volontà non è sufficiente perché, come ho già detto, è un istinto pressoché irrefrenabile.

[#1] dopo  
Dr. Rosamaria Bruni

24% attività
8% attualità
16% socialità
ANDORRA (AD)
SPAGNA (ES)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
salve,

Credo sia opportuno consultare un psicologo .Lo ha gia fatto?

Non e' un problema di volonta' , esattamente l' opposto .

Mi faccia sapere

saluti cordiali
Dr.ssa RosaMaria Bruni
Neuropsichiatra Infantile

[#2] dopo  
Utente 358XXX

salve,
No, mi sono mai rivolta a nessun medico finora, sia perché speravo fosse evitabile, sia per la malsana speranza che "se ignoro un problema prima o poi sparisce".

Grazie, le farò sapere

Buona giornata