Utente 405XXX
Buongiorno,
Ho un bimbo di 3 mesi con un'estesa area poroencefalica con segnale simil-liquorale a livello parieto temporo occipitale. La lesione è attribuibile ad un evento ischemico avvenuto in epoca perinatale.
Il bimbo presenta al momento uno sviluppo psicomotorio adeguato all'età.
Mi è stato però riferito che eventuali danni potrebbero evidenziarsi verso i 12-18 mesi. Ci è stato quindi consigliato un semplice follow up. Prossimo appuntamento con il neuropsichiatra il 7 aprile.
Mi chiedo: dato che la "sacca" liquorale e' molto estesa (parliamo di circa 5cm x 2) e il mio pediatra mi ha persino detto che potrebbe anche estendersi ulteriormente, ha senso aspettare che si evidenzi un danno? La sacca stessa non potrebbe, comprimendo determinate aree, causare altri danni?
Non esiste un modo (ovviamente adeguato) per drenare l'edema?
In questi casi, l'unica opzione è veramente la sola attesa?
Grazie anticipatamente.

[#1] dopo  
389412

Cancellato nel 2016
Salve, direi che è corretto attendere la crescita e valutare lo sviluppo psicomotorio. Gli interventi di drenaggio in questi casi non sono così semplici e risolutori. Semmai potrà chiedere un consulto anche con il neurochirurgo.
Cordiali saluti