Utente 249XXX
Gentili Dottori,
vi scrivo per nostro figlio, quattro anni appena compiuti, chiedendo un consulto in merito a delle balbuzie sopraggiunte improvvisamente.
Abbiamo un bambino che è stato seguito per alcuni mesi da un centro che tratta ritardi nello sviluppo del linguaggio (ha iniziato dopo i 3 anni a parlare, anche solo a dire mamma e papà, ma poi non si è più fermato ed ha praticamente recuperato i coetanei) facendo della logopedia.

un paio di giorni fa l'abbiamo, probabilmente, stressato troppo nel tentare di insegnargli la scrittura e lettura di alcuni numeri e abbiamo notato che ha iniziato a balbettare pesantemente, interrompendo l'inizio delle frasi e, rendendosi conto di quanto avveniva, asserire: "non ce la faccio a parlare".

Abbiamo già contattato la logopedista che lo seguiva e ci ha suggerito semplicemente di ignorare la cosa magari dicendogli che anche noi da bambini avevamo delle balbuzie, ma lui, comunque sufficientemente intelligente ci risponde che è sicuro che quanto affermiamo non sia vero.

Per completezza, nostro figlio non tentenna quando gioca da solo, e lo fa davvero poco quando deve magari rispondere a qualche nostra domanda, il blocco appare maggiormente quando deve iniziare un discorso.

Sappiamo, come ci hanno già spiegato, che è un fenomeno frequente, poiché i bambini a questa età hanno uno sviluppo cognitivo maggiore della loro sintassi (spero di essermi espresso bene) e presentano queste balbuzie che si risolvono con il tempo.
Quello che ci preoccupa maggiormente è il suo bloccarsi totalmente ed asserire di non essere in grado di parlare con tono mesto.

Ci sentiamo molto colpevolizzati perché pensiamo di avergli causato un qualche trauma psicologico.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Moccia

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
AFRAGOLA (NA)
VAIRANO PATENORA (CE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
In linea di massima le informazioni datele dalla logopedista sono corrette e vanno comprese e seguite completamente.
Gli aspetti emozionali relativi al comportamento tenuto rispetto alla probabile "balbuzie" (va diagnosticata da un medico con precisi riferimenti ) vanno meglio valutati , gestiti e superati o con conseling completo con la logopedista o se non superati vanno affrontati con una specialista del ramo.
Saluti
Dr. Gaetano Moccia
Specialista in Audiologia e Foniatria