Utente 517XXX
Buonasera, ho un grande problema e spero che voi possiate aiutarmi in qualche modo. Mia sorella, 13 anni, da circa 4 mesi soffre di quelle che credevamo crisi epilettiche finché un EEG non ha dimostrato il contrario. Vi spiego in breve i sintomi: durante un attacco lei sviene, perde il controllo dei muscoli, gli occhi rimangono fissi e ha delle convulsioni, mani e piedi gelati, dopo qualche minuto inizia a riprendersi lentamente, e in circa 20 minuti è finito tutto e lei non ricorda cosa è successo. Gli attacchi vengono a volte 3 in un giorno a volte niente per 3 giorni. Il problema più grande è che questo ha causato una depressione che la porta a non uscire di casa da tre mesi già, nessun medico riesce ad aiutarci, non riusciamo a portarla a scuola, a casa spesso non vuole uscire dalla Camera da letto, sta al buio.. ha avuto due incontri con uno psicologo che ripete che dobbiamo cercare un neuropsichiatra, che assurdo per quanto sia, sembra introvabile.. Mia madre gira come una trottola da un medico all'altro senza trovare una risposta.. non vive più sembra entrata in un tunnel di solitudine e depressione da cui non riesce ad uscire.. non sappiamo cosa fare. Nessuno sa neanche indicarci quali esami possono essere fatti, o cosa potremmo supporre.. niente zero assoluto. Spero che voi possiate aiutarmi almeno a capire come andare avanti a cercare una risposta.
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
La descrizione delle crisi è fortemente suggestiva per epilessia. In che senso l'EEG, come lei scrive, ha dimostrato il contrario?
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 517XXX

Buongiorno, l' EEG effettuato non ha rilevato attività epilettiche, così ha detto la dottoressa che l'ha effettuato.. esame del sangue in ordine tranne la coagulazione ma niente di preoccupante, tutto entro i limiti. Purtroppo il medico di base che ci ha seguito per i primi due mesi ha sempre creduto che fosse una messa in scena per non voler andare a scuola, non ha mai creduto che lei stesse male, e invece di dirlo apertamente ci ha "assecondate" ma senza mai prenderci sul serio. Durante le feste natalizie per caso ci siamo trovate ad andare dal suo sostituto, mentre lui era in ferie, e li abbiamo capito che in due mesi non abbiamo concluso niente. Lui ci ha mandate da una neurologa che ha solo effettuato l'EEG per vedere se fosse epilessia, una volta esclusa questa, ha scritto le ricette per vari esami ( oculista, dentista, otorinolaringoiatra, cardiologo) ci ha dato il nome di un neuropsichiatra e degli integratori e da allora non ha più neanche risposto al telefono, così come questo neuropsichiatra. Tutte le visite specialistiche ovviamente negative. Ho dimenticato a dire che i primi attacchi sono iniziati con un forte mal di testa, adesso invece improvvisi. È successo anche fuori casa, e da quel momento ha paura di uscire, ed è successo anche mentre dormiva. La mia speranza era di avere da voi non certo una diagnosi, capisco la difficoltà, ma piuttosto qualche indicazione, qualche possibile causa, ovviamente da accertare in seguito, e sarebbe anche ben accetto il nome di qualche specialista (rintracciabile) nella provincia di Palermo. Grazie per l'attenzione,
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Non si può escludere l'ipotesi di epilessia solo perchè gli EEG sono normali, e senza aver osservato di persona una di queste crisi.
Quando vi è il dubbio di epilessia si procede come segue:
1) si esegue un EEG di base.
Se negativo:
1) si esegue un EEG in stato di sonno dopo deprivazione di sonno.
Se anche questo è negativo si esegue un holter-EEG, nella "speranza" di registrare una crisi.
Cerchi di filmare uno di questi attacchi, se ci riesce, in modo da farlo vedere al neurologo.
In ogni caso si rivolga a un Centro per l'Epilessia di Palermo, ce ne saranno anche più di uno.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-