Utente 172XXX
Salve,
Quest'oggi ho effettuato una radiodiagnostica a causa del dolore (dopo aver fatto l'ossigeno ozono terapia): " TC Colonna lombo- sacrale (senza MDC) " e gli esiti hanno riportato queste caratteristiche:

<< Esame eseguito in acquisizione volumetrica e ricostruzioni, mirato al tratto L3-S1.
Ridotta la fisiologia lordosi lombare, con conservato allineamento del muro somatico posteriore.Spondiloartrosi diffusa con apposizioni osteofitosiche tendenti a confluire a ponte in sede anteriore.
Con setting per osso segnala la presenza di area di rarefazione trabecolare a livello dell'emisoma dx di L3, in prima ipotesi compatibile con angioma vertebrale.
L3-L4: conservato spessore del disco intersomatico senza evidenze di protrusioni erniarie.
L4-L5: conservato spessore del disco intersomatico, con protrusione posteriore ad ampio raggio, che impronta la superficie vertebrale del sacco durale ed occupa la porzione inferiore di entrambi i forami di coniugazione.
L5-S1: lieve riduzione di spessore del disco intersomatico, con bulging posteriore ad ampio raggio, in metaplasia calcifica, che tende a comprimere la superficie vertebrale del sacco durale ed occupare la porzione vertebrale di entrambi i forami di coniugazione.
Il canale vertebrale presenta diametri principali regolari.
Non evidenti masse paravertebrali.>>

Vorrei sapere se bisogna intervenire chirurgicamente o si può intervenire definitivamente con altre terapie.

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Fabio Intelligente

20% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2010
Gentile utente,
per poterle dare un consiglio è indispensabile sapere quali sintomi avverte. In particolare sarebbe necessario sapere dove avverte il dolore, da quanto tempo, se si associano altri sintomi (perdita di forza o di sensibilità), quali terapie ha eseguito e se ha fatto altre indagini o visite.
Dr. Fabio Intelligente MD, FIPP
Specialista in Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore

[#2] dopo  
Utente 172XXX

il dolore lo avverte nella colonna vertebrale precisamente nella parte lombo-sacrale, da circa 8 mesi circa,ha fatto visite come fiseoterapia per un certo periodo,l'ossigeno ozono terapia che si tratta di 15 punture con l'ozono e ora sono state consigliate dal proprio medico di cura altre 8 punture per vedere se migliora il dolore, non ho più tanta sensibilità sulla gamba sinistra agli arti inferiori..che consiglio può darmi?
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Fabio Intelligente

20% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2010
Gentile paziente, sulla base delle informazioni che mi ha fornito (in realtà sono poche, ma è il limite del mezzo informatico) in linea generale le posso dire che, in assenza di gravi e progressivi deficit di forza o della sensibilità, abbiamo a disposizione numerose tecniche (differenti dall’ozono terapia) per aiutarla a risolvere il dolore senza un intervento chirurgico tradizionale.
Le possibilità a disposizione sono tante, ad esempio: cicli di terapia farmacologica, programmi riabilitativi associati ad infiltrazioni RX guidate (con l’ausilio dei raggi x è possibile eseguire l’infiltrazione con precisione, in prossimità delle strutture interessate, garantendo con una o al massimo due infiltrazioni un’elevata percentuale di successo) o procedure discali (per curare le patologie discali, in anestesia locale e ricovero di un giorno).
Il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un medico (di solito è un anestesista) dedicato e qualificato in Terapia del Dolore, con il quale poter valutare tutti gli aspetti clinici o l’eventuale necessità di ulteriori approfondimenti diagnostici (chiarirei meglio l’entità, la distribuzione ed il “tipo” di insensibilità che riferisce alla gamba sinistra), escludere condizioni che indichino indispensabilmente il ricorso all’intervento tradizionale e programmare il percorso terapeutico più appropriato.
Spero di esserle stato utile, qualora non fossi stato esaustivo resto a disposizione per ulteriori chiarimenti e mi faccia sapere come va.
Dr. Fabio Intelligente MD, FIPP
Specialista in Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore