Utente 240XXX
Ieri pomeriggio sono andata a pattinare sul ghiaccio quando, causa pista bella bagnata (c'era abbastanza acqua), andando a velocità sostenuta sono scivolata all'indietro e ho battuto forte la testa (un bel botto visto che sono anche alta).

Durante l'impatto ho sentito il tonfo sordo della mia testa che collideva col ghiaccio duro, sono rimasta a terra qualche secondo, sdraiata, perchè il dolore mi rimbombava nel cranio. Dopo un po', ancora dolorante, sono riuscita a pattinare da sola verso bordo pista e ho tenuto il ghiaccio sul bernoccolo (non c'era sangue) per una mezz'ora/40 minuti.

Non sono svenuta, ero conscia tutto il tempo, il dolore alla testa e alla nuca/collo man mano è diventato più debole, e riuscivo (riesco) a parlare coerentemente.

Tornando a casa, a piedi, mi è venuto da sputare ed ho visto che la saliva era tutta rossa, e mi sono spaventata. I successivi sputi avevano sempre meno sangue, ora non ce n'è per nulla.

Ho dolore al collo (non riesco a muoverlo bene), alle spalle, sulla parte destra e su quella inferiore del cranio (anche se meno rispetto a ieri, il bernoccolo -che ieri era rosso- sta diventando più piccolo).

Ho avuto, ieri, gli occhi un po' pesanti, una leggera letargia...sarò ipocondriaca (o forse non lo sono abbastanza), ma ho preferito tenermi il sonno per diverse ore temendo qualcosa di serio (e di non risvegliarmi), così sono andata a dormire sul tardi.

Ho preso solo un antidolorifico, non sono andata al pronto soccorso, sto aspettando domani (lunedì) per andare a farmi un controllo.

Sono stata sciocca ad aspettare tanto? Sono una ragazza di 20 anni, comunque.

[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
Sicuramente un controllo andava e va sicuramente fatto.Peraltro i sintomi successivi sono una diretta consequenza del trauma e tendono a scemare nel tempo. Il sangue nella saliva puo' essere il prodotto di una ferita interna alla bocca che si e' poi risolta.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it