Utente 373XXX
Salve,
ho 30 anni e da qualche settimana lamento fortissimi dolori che partono dal collo fino ad arrivare alla fronte. Non saprei specificare di che dolori si tratta, sicuramente diversi del solito mal di testa e quando è acuto tramuta in bruciore.
Ho fatto una RX della cervicale con il seguente referto:
"Non evidenza di lesioni ossee a focolaio. Spianata la fisiologia lordosi cervicale. Spazi intersomatici conservati."
Ho effettuanto una RX cranio e seni paranasali con il seguente referto:
"Non segni di ipertensione endocranica. Ipoplasia dei seni frontali. Normoconformati e normoareati i seni mascellari. Apparentemente poco ampio il cavo sellare. Piccolo addensamento si proietta sull'osso frontale sx. Area sfumata di tenue rarefazione grossolanamente rotondeggiante proiettantesi frontalmente. Utile successivo controllo a 3 mesi."

Io sulla fronte a sinistra ho un piccolo neo di circa 5mm di diametro dalla nascita.
Sono molto preoccupato perchè credevo fosse cervicale ma adesso non so proprio cosa pensare se non il peggio. Chiedo una vostra delucidazione.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Aiello

36% attività
4% attualità
16% socialità
SCIACCA (AG)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2014
Gentile Utente,
circa il neo che riferisce si può darLe solo l'ovvia indicazione di sottoporsi a visita dermatologica a scopo preventivo.
Gli esami radiologici effettuati mettono in evidenza un'alterata curvatura della colonna cervicale che appare raddrizzata ed una rarefazione dell'osso frontale per cui si consiglia un controllo evolutivo.
Una alterazione della normale curvatura cervicale potrebbe essere anch'essa manifestazione di alterato equilibro dei muscoli paravertebrali, possibile causa di dolore cervicale e cefalea muscolo-tensiva.
Un consulto fisiatrico potrebbe servire ad inquadrare meglio la sua condizione algica, di per se abbastanza poco specifica per ipotizzarne la causa online.
Circa la zona di rarefazione ossea, ove ritenuto necessario potrebbe esser presa in considerazione l'ipotesi di sottoporsi ad esame TC per meglio indagare le strutture ossee.
Ne parli con i suoi specialisti.
Saluti.
Dott. Alessandro Aiello
Dirigente Medico di Radiodiagnostica
U.O. Radiologia - Ospedale Giovanni Paolo II° - Sciacca (AG)