Utente 440XXX

salve vorrei chiedervi dei chiarimenti riguardo una risonanza magnetica del rachide cervicale. i sintomi che presento sono: mal di testa, senso di spossatezza, pesantezza degli occhi, sonno,vertigini e giramenti di testa. all'inizio si pensava ad un caso di labirintite, la quale però è stata esclusa. il dottore mi ha consigliato di effettuare una risonanza magnetica , l'esito della risonanza è stata: metameri vertebrali in asse. nei limiti della norma la dimensione del canale spinale. il midollo spinale è normale per morfologia, dimensioni e intensità di segnale il disco C2-C3 deborda lievemente dai profili ossei. protusione del disco C3-C4 con associati appuntimenti osteofitosici, che determianno un effetto compressivo sullo spazio subaracnoideo anteriore del midollo, prevalente in sede paramediana destra. iniziale spondilosi margino-somatica. normale la giunzione cranio-spinale. in via collaterale si segnala la presenza di verosimile cisti aracnoidea. volevo chiedervi se c è qualcosa di grave e la terapia da seguire per eliminare questi sintomi che ho. vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Vittorio Scipione

24% attività
20% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2016
La RM evidenzia una protrusione del disco C3-C4 che insieme ad appuntimenti osteofitosici (ovvero minute alterazioni artrosiche) esercita una "compressione" a quel livello (evidentemente non particolarmente significativa) sullo spazio perimidolare antero-laterale destro.
Questo è l'unico dato che può giustificare le vertigini ed il giramento di testa.
Il mal di testa di riflesso può insorgere per una "contrattura della muscolatura paraspinale posteriore del collo".
Gli altri sintomi:sonno,senso di spossatezza e pesantezza degli occhi non sono correlati a quanto sopra descritto.
La cisti aracnoidea,CONGENITA,BENIGNA E ASINTOMATICA,è un reperto che in alcuni compare quando si esegue una TC o una RM dell'encefalo e non è altro che una piccola raccolta di liquor (liquido cefalo-rachidiano che scorre all'interno e all'esterno del cervello).

Arrivederci
Dr.Vittorio Scipione