Utente 164XXX
Salve a tutti.Da qualche mese ho, sotto la palpebra dell'occhio destro, un calazio di medie dimensioni. Dopo essere andata da parecchi medici tra cui alcuni mi hanno consigliato delle creme (tobradex), altri iniezioni di cortisone o addirittura l'asportazione, ho fatto una cura per circa 10 gg mettendo il tobradex (unguento) sotto e dentro l'occhio per tre volte al gg, con impacchi caldi sempre per tre volte al gg, il mio calazio è sempre lo stesso e ultimamente mi sta facendo anche male. Mi sembra inoltre di aver visto che all' interno della palpebra, dove noi donne mettiamo la matita per gli occhi, mi è uscita una bollicina rossa con una puntina bianca, come se fosse un brufoletto, cosa che non credo perchè, guarda caso è proprio in corrispondenza del calazio, che si trova poco più sotto. Cosa potrebbe essere? Sono andata da un altro dottore che mi ha sconsigliato il tobradex, in quanto altera la pressione dell'occhio, e mi ha consigliato di aspettare settembre perchè col sole probabilmente il mio calazio potrebbe riassorbersi, in caso contrario dovrò subire l'asportazione. Essendomi esposta per due giorni interi al sole, è probabile che quella specie di brufoletto sia un progresso, visto che è sorta qualche giorno dopo l'esposizione al sole? Adesso il calazio sta cominciando a darmi molto fastidio, spesso mi prude e mi tira dentro, anche se le sue dimensioni restano uguali. E'normale che questo dottore non mi abbia dato una cura? Non potrei tentare una nuova cura, più efficace, visto che comunque devo aspettare settembre per una nuova visita, ed eventualmente, per l'asportazione chirurgica? Se è necessario, posso anche inviare una foto. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
buonasera, faccia ancora degli impacchi caldi ed aspetti qualche settimamana, quello che rimane poi se lo faccia asportare.
Cordialità
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo