Utente 161XXX
Buongiorno gentili dottori. Soffro di una lieve ptosi congenita all'ochio sinistro. Ho sentito alcuni oculisti che mi hanno fatto notare che non varrebbe molto la pena fare un intervento visto che la ptosi non impedisce la visuale ed essendo lieve a parer loro non costituisce un problema estetico. Tuttavia a me sembra che la ptosi tenda ad accentuarsi, seppur di pochissimo, con il passare degli anni, e per me essa di fatto costituisce un problema perchè soprattutto quando sono stanca, la sera etc, la ptosi E' di fatto visibile e mi crea non poca insicurezza (del resto il mio sguardo cade sempre lì). Tra circa un mese vedrò nuovamente uno specialista che mi ha consigliato il medico di base. Nell'attesa, vorrei chiedere quale tecnica si usa solitamente nella chirurgia della ptosi e se un intervento di questo tipo potrebbe "sfigurare"il viso in caso di fallimento o se la "peggior" conseguenza può essere che la situazione non cambi e la ptosi rimanga com'è. Grazie mille per la vostra cortese attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)
LECCE (LE)
NARDO' (LE)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buonasera, una valutazione della tecnica più utile richiederebbe una visita impossibile via web, poso dirle che nella sua zona, a Treviso ed a Milano, opera il Dott. Davì, uno dei massimi esperti di chirurgia palpebrale in italia, lui credo saprebbe aiutarla.
cordialmente
Dr. Enrico Rotondo
Policlinico Universitario "Magna Graecia" di Catanzaro
www.medicitalia.it/enricorotondo