Utente 424XXX
Buongiorno
Ieri pomeriggio ho fatto una visita dall'oculista perchè presentavo i sintomi dell'occhio secco.
Purtroppo la visita è stata abbastanza veloce perchè effettuata in un buco tra un paziente e l'altro e si è limitata ad un'occhiata della superficie dell'occhio, delle palpebre e alla prescrizione di due lacrime artificiali da utilizzare durante il giorno e la sera prima di andare a dormire.
Non sono eseguiti altri test e il tutto sarà durato 5-10 minuti.
Diagnosi: occhio secco e qualche lieve escoriazione nell'occhio destro, la cui causa sembrerebbe semplicemente "predisposizione".
Ho riferito che qualche settimana fa mi era venuto una specie di "tappino" color ambra sul bordo superiore della palpebra, tra le ciglia e l'occhio, quindi ho chiesto se poteva essere una delle possibili cause della secchezza, (avendo appreso della disfunzione delle ghiandole di meibonio proprio grazie ad un articolo su questo sito) ma mi è stato detto di no, in quanto il "tappo" non era più presente e le palpebre erano in condizioni normali.

Preciso che il problema non è insopportabile e che durante il giorno spesso non ho fastidi, visto che questi si aggravano sopratutto la sera in cui ho bruciore rossore agli occhi.
Avendo letto gli interessanti articoli del dott. Orione e del dott. Marino sulle loro tecniche all'avanguardia per la diagnosi e cura di questa patologia, forse sono andato alla visita con troppe aspettative.

Detto questo, credo che proseguirò questa nuova terapia con queste lacrime artificiali da usare la sera, in quanto mi è stato garantito che il rossore e bruciore dovrebbe scomparire e che arriverò ad usare solo quelle giornaliere "al bisogno".
In caso contrario valuterò l'ipotesi di effettuare una visita completa per una diagnosi più precisa e qualche esame più approfondito, anche per capire se si tratta effettivamente di una lieve forma di meibomite che non poteva essere diagnosticata in quella sede.
Il problema è: dove ? Studio privato, ospedale, o qualche centro specializzato che però sono tutti lontani da casa mia ?

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
mio caro amico

arriviamo prima ad una Diagnosi precisa

poi troveremo la migliore soluzione per LEI

ha fatto esami del sangue?

provi a riempire il mio questionario sull’occhio secco...

che trova su medicitalia

LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 424XXX

Buongiorno caro dottore e grazie per la replica.

Dunque, ho provato a fare il questionario per l'occhio secco ed ho totalizzato un punteggio di 18,75: quadro clinico compatibile con un lieve occhio secco.
In effetti mi pare corretto visto che i fastidi agli occhi si concentrano maggiormente durante il pomeriggio e la sera; la mattina non ho fastidi a parte un leggero "incollamento" alle palpebre appena sveglio che poi passa nel giro di qualche minuto appena inizio a svegliarmi ed ammiccare.

Ho fatto gli esami del sangue generici qualche mese fa, compresi i valori per la tiroide ed è risultato tutto ok.
Mi sembra tuttavia che il rossore della sera stia pian piano "allontanandosi" visto che arriva sempre più tardi e che il fastidio alla luce sia pressochè sparito, vedremo.

Rimane però l'incognita del "perchè" e capire se questa terapia è adatta... mi pare che queste lacrime artificiali durino poco e calmino solo leggermente il fastidio, forse dovrei usarne un altro tipo ?
Per questo motivo vorrei fare una visita più approfondita e riuscire a capire con esattezza il mio tipo di problema.

Non ho ancora provato gli integratori omega3, ho letto su questo sito che possono essere molto efficaci, dato che il mio problema è lieve, secondo lei possono aiutarmi a risolverlo ?