Utente 391XXX
Buongiorno Dottore,
la disturbo per chiedere una sua consulenza.
Mio figlio, 19 anni, da un anno a questa parte soffre di calazi che nell'ultimo periodo si stanno ripresentando in continuazione.
Lo scorso anno ne è comparso uno sulla palpebra superiore dx che nonostante l'applicazione di betabioptal unguento si è ridotto ma non è scomparso. Lo scorso settembre è ricomparso e dopo l'applicazione di impacchi caldo umidi è addirittura scoppiato e dopo la fuoriuscita di pus pare che (per ora) sia scomparso . A distanza di qualche giorno ne è comparso un altro sulla palpebra inferiore sx, dove è stato applicato betabioptal in gel e i soliti impacchi caldo umidi ma non è scomparso anzi è rimasta una pallina sulla palpebra che, per un ragazzo di questa età, è un inestetismo piuttosto antipatico. L'altro giorno la palpebra inferiore dx si è gonfiata ed ha male quando sbatte le palpebre e temo che ne stia spuntando un altro. Che fare ? C'è una cura, una terapia che possa aiutare a tenere liberi i dotti di queste ghiandole che si ostruiscono di continuo?
La ringrazio anticipatamente per l'attenzione che riserverà alla presente e le porgo cordiali salu

[#1] dopo  
412966

Cancellato nel 2016
BUONGIORNO MI SPIACE DELUDERLA MA I CALAZI SONO FREQUENTI IN PERSONE PREDISPOSTE E LEI EVIDENTEMENTE RIENTRA IN QUESTA SFORTUNATA CATEGORIA.SI CONSIGLIA FREQUENTE PULIZIA DEI BORDI PALPEBRALI CON GARZE OCULARI TIPO IRIDIUM GARZE OCULARI POMATE SE POSSIBILE SOLO ANTIBIOTICHE SENZA CORTISONE TIPO EXOCIN POMATA CONTROLLARE ANCHE BENE LA ACUTEZZA VISIVA PER ESCLUDERE DIFETTI VISIVI TIPO ASTIGMATISMI O IPERMETROPIE NON BEN CORRETTE.ALTRO NON POSSO CONSIGLIARLE.UN INTERVENTO PER CALAZIO POSSIBILE NON ESCUDE COMUNQUE POSSIBILI RICADUTE SUCCESSIVE.CARI SALUTI.MANTOVA 21/11/2016.
Dr. Giovanni Lanfredi