Utente 113XXX
Gentile Staff,
ho 29 anni e sono fumatrice.Da circa 5 giorni ho notato una specie di protuberanza piuttosto dura sul lato destro del palato duro in corrispondenza dei denti molari.Inizialmente mi faceva male.Dopo aver assunto Oki per un paio di giorni il dolore è quasi scomparso,nel senso che tendo a sentire fastidio solo se la premo forte.Ho eseguito visita dal dentista il quale mi ha comunicato che secondo lui non si tratterebbe di un problema riconducibile ai denti.Il gonfiore non scompare ed io sono abbastanza spaventata poichè leggendo su internet ho trovato informazioni decisamente allarmanti a riguardo.Il medico mi ha detto che potrebbe trattarsi di qualcosa che coinvolge le ghiandole.(Un linfoma potrebbe presentarsi come la mia formazione sul palato duro?)Il mio dentista non è stato molto chiaro,nonostante le mie domande non ha saputo dare risposta precisa.Come devo comportarmi?Sono agitatissima.Grazie molte.Dimenticavo di precisare che a occhio nudo si vede poco o nulla ed il colore del palato è sostanzialmente omogeneo anche in quel punto.

[#1] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Perchè pensare subito ad un linfoma? Le ipotesi posson esser diverse e sicuramente tante son più probabili statisticamente rispetto ad un linfoma.
Compito del dentista generico escludere eventuali cause odontoiatriche. Il fatto che sia presente o sia stato presente dolore o dolorabilità alla pressione mi porterebbe ad approfondire bene una eventuale origine da infezione dento-parodontale.
Escluse le cause odontoiatriche, in caso la lesione non fosse scomparsa spontaneamente nell'arco di un paio di settimane può contattare un dentista specializzato in chirurgia odontostomatologica o un chirurgo maxillo-facciale o un otorinolaringoiatra che con una biopsia (l'anatomia locale della zona sede della lesione richiede competenze specifiche per la presenza in zona di rami di derivazione di un'arteria abbastanza importante, l'arteria palatina maggiore) renderà di certo agevole, qualora non fosse stato già sufficiente l'esame clinico, la diagnosi definitiva.


Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente 113XXX

La ringrazio molto...ma l'ansia resta tanta e non so che pensare. Quindi si potrebbe propendere per una patologia benigna?

[#3] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2010
Le patologie benigne son sicuramente le più frequenti, tuttavia senza una visita non si può propendere per nulla.
Si faccia vedere da uno specialista di quelli che le ho indicato e fugherà le sue ansie.

Cordialità
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra
enzodiiorio@hotmail.it

[#4] dopo  
Dr. Alvise Cappello

20% attività
0% attualità
0% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2011
Gentile signora, le cause più probabili sono o la presenza di una fistola che dreni sul versante palatino. O la presenza di una ghiandola salivare accessoria che si sia obliterata. Entrambe queste condizioni sono compatibili con una consistenza elastica della tumefazione. In alternativa se la consistenza è dura potrebbe trattarsi di un toro palatino (poco probabile data la giovane età). Si rivolga al suo dentista che, con una radiografia potrà individuare la causa probabile di questo problema
Dr. Alvise Cappello