Utente
salve, vorrei gentilmente un vostro parere per un problema che persiste da 9 mesi. nel mese di maggio 2013 ho avvertito un fastidio sul bordo linguale sinistro e guardandomi allo specchio ho notato come due papille gustative ingrossate, sono fumatore di 5 sigarette al giorno e il fastidio lo sento quando mangio cibi piccanti,salati,aspri e quando fumo. Dopo visita da medico di base e dentista la diagnosi era di papille gustative infiammate e che in 6 mesi il problema si sarebbe risolto da solo. Invece dopo 8 mesi il problema persisteva quindi ho fatto visita da otorino con diagnosi di neoformazione papillare bordo linguale ordinandomi per un mese vea oris. dopo un mese eseguita seconda visita otorino con diagnosi di papille gustative ipertrofiche consigliandomi visita dermatologica. eseguita visita dermatologica con seguente diagnosi : presenza di papule fibrose bordo linguale sinistra ed eseguita crioterapia con azoto a -100° non assicurandomi la risoluzione del problema. Vorrei sapere se la diagnosi di papule fibrose è un problema grave? se la crioterapia non bastasse cosa si fa'in questa casi? il mio problema puo'essere causato dal fumo di sigaretta? con questa diagnosi sono piu'a rischio di poter svlluppare un carcinoma del cavo orale? vi ringrazio anticipatamente porgendovi i miei piu'cordiali saluti

[#1]  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
'papule fibrose bordo linguale ' non è una diagnosi ma una descrizione della lesione: se la lesione è stata asportata completamente o anche in parte sarebbe stato utile sottoporla ad esame istologico per stabilirne la natura.
I carcinomi del bordo linguale si presentano di solito come ulcere o afte, a lenta crescita, non dolorose, e che non guariscono, ma anche lesioni bianche più o meno rilevate, o con escrescenze verrucose .
Adesso, se persiste ancora parte della lesione, non esiterei ad un'escissione con parte della mucosa clinicamente sana circostante per sottoporla ad esame istologico; se la lesione invece è stata aspotata completamente è opportuno sottoporre la sede e comunque la mucosa dell'intero cavo orale a controlli periodici: ovviamente in casi di ricomparsa s'impone l'esame istologico.

Cordiali SAluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#2] dopo  
Utente
salve,la ringrazio per il suo consulto. Per il momento è stata eseguita solo crioterapia 10 giorni fa' dicendomi che per vedere se il problema si è risolto bisogna aspettare almeno 3 settimane. passato questo tempo se il problema persiste effettuero'una visita da odontoiatra. mi consiglia una escissione di tipo tradizionale cioè con bisturi o con il laser? grazie e cordiali saluti

[#3]  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Per eseguire l'esame istologico è consigliabile l'escissione a 'lama fredda' cioè il bisturi perchè il laser modifica la struttura e l'architettura cellulare del bordo del frammento, importante per la valutazione istologica.
Cordiali Saluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta. Ora il problema è la paura di affrontare una biopsia, di sentire dolore e avere dei punti di sutura nella lingua. Grazie e cordiali saluti