Utente 350XXX
Salve a tutti, confido nel vostro aiuto. Dopo tanto girovagare siamo riusciti ad effettuare il test allergie per i materiali odontoiatrici qui in Calabria, con la speranza di risolvere il problema che affligge mia mamma. Dopo tanti soldi spesi e dopo più di due anni mia madre si ritrova ancora senza denti (arcata superiore) perché non riusciamo a trovare un materiale per la sua protesi mobile al quale non sia allergica. I test hanno dato i seguenti risultati: allergia al nichel, all’ etil dimecratilato al metil metacrilato e all'amalgama. Abbiamo consultato vari dentisti e finora nessuno si è detto ottimista sulla possibilità di trovare un materiale assolutamente privo di queste componenti, apparentemente non ve ne sono in commercio.
Avevamo anche pensato agli impianti fissi (possibilità finora esclusa per il fatto che nessuna allergia fosse stata certificata ufficialmente con conseguente rischio di indebitarsi per poi ritrovarsi di nuovo punto e a capo), ma che riconsideriamo adesso visto che non sappiamo più che fare. Ora uno dei dentisti consultati sostiene che quella degli impianti sia LA soluzione (ma con un costo per noi insostenibile), mentre un altro sconsiglia assolutamente l’opzione impianti perché viste le sue allergie gli impianti non li sopporterebbe e sarebbe un disastro. Lo stesso dentista che sconsiglia gli impianti ha fornito per la prova empirica (mia madre tiene il materiale in bocca come una caramella per diversi giorni) una pallina di un materiale (a suo dire) innovativo, che non conterrebbe le sostanze incriminate ma rifiutando di dirci il nome del materiale usato. Fatto sta che mia madre si è riempita di afte in bocca nemmeno 24 ore dopo averlo testato, con bruciore insopportabile alla lingua e alla gola. Non sappiamo più che fare, o il dentista mente sulla composizione del materiale usato (visto che è al corrente dei materiali a cui mia mamma è allergica) o allora i test per le allergie non sono serviti a nulla!! Mi rivolgo a voi per un consiglio, sapere se davvero non esistano materiali privi di queste sostanze in commercio e soprattutto se esiste un dentista onesto in provincia di CZ disposto a seguirci. Certo per ragioni economiche preferiremmo la protesi mobile perché non abbiamo tutti questi soldi disponibili, se poi davvero gli impianti rimangono l’unica soluzione allora vedremo come fare per provvedere economicamente. Per me, quello che conta è aiutare mia mamma e farle ritrovare il sorriso, in senso proprio e figurato.
Grazie a tutti per i buoni consigli

[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
è molto complesso dare una risposta a distanza.
A Roma, vengono eseguiti i test per allergie di materiali odontoiatrici tra i più completi d'Italia e può fare riferimento all'ospedale dermatologico.
In generale esistono poche probabilità che sua madre sia allergica a titanio o ceramica: sono materiali costosi, ma potrebbero grantire il ripristino funzionale ed estetico della bocca di sua madre.
Cordiali saluti
Dr. Armando Ponzi
www.sgfmedical.it

[#2] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Le protesi mobili è possibile realizzarle anche in materiali che non sono a base di monomeri metacrilici. Un esempio è dato dalla poliamide e dal nylon nomi commerciali sono rispettivamente deflex e flexite. Ovviamente non posso sapere se sua madre è allergica anche a questi materiali. I costi sono contenuti, si potrebbe comunque fare una prova contattando un dentista delle vostra zona che utilizza tali materiali.

Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#3] dopo  
Utente 350XXX

Salve a tutti,
ecco i test ai quali si é sottoposta
COBALTO CLORURO -
NICHEL SOLFATO +
BENZOILE PEROSSIDO -
RESORCINA -
EUGENOLO -
ZIRCONIO DIOSSIDO -
TETRACAINA CLORIDRATO -
MERCURIO -
VASELINA -
TRIETILENGLICOL DIMETILACRILATO -
ETILENGLICOL DIMETACRILATO +
AMMONIO TETRACLOROPLATINATO -
RAME SOLFATO -
CADMIO SOLFATO -
METIL METACRILATO ++
TANTALIO -
AMALGAMA NON GAMMA 2 +
AMALGAMA METALLI -
PALLADIO CLORURO -
TITANIO IV OSSIDO -
SODIOTIOSOLFOAURATO -
BICROMATO DI POTASSIO -

Osservazioni: positivo per nichel, metacrilati e amalgama non gamma 2

Mi piacerebbe a questo punto sapere che tipo di materiale si potrebbe usare.
Abbiamo provato con il BREFLEX, il dentista garantisce che sia un nylon, eppure l'intolleranza é stata molto forte lo stesso. nessuno nessuno ha una idea del materiale che si potrebbe usare e se l'opzione degli impianti é da prendere in conto o escludere categoricamente? non posso credere che nel 2014 non si riesca a fare una protesi in un materiale che non contenga gli elementi "incriminati" di cui sopra. Grazie per le risposte e per l'aiuto

*bre.fl ex e bre.fl ex 2nd edition appartengono alla famiglia dei poliammidi e sono materiali per basi protesiche, privi di monomero al 100 %, indicati per realizzare protesi parziali infrangibili e flessibili" percio anche l'intolleranza al breflex resta un mistero....

[#4] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
"percio anche l'intolleranza al breflex resta un mistero.... " Evidentemente è allergica anche alle poliammidi utilizzate in quel tipo di protesi: da quel che riporta non son state testate tali molecole.
Sempre da quel che riporta sembra negativa la risposta al titanio di conseguenza non dovrebbe aver problemi con gli impianti costituiti da tale materiale.

Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#5] dopo  
Utente 350XXX

Gentile dottore, grazie per la risposta, che però ci ha creato ancora più dubbi.
Nemmeno a farlo apposta, giusto mentre lei ne parlava, il dentista ha proposto a mia madre una protesi in Deflex. Se vado però a vedere la composizione di questo material leggo le seguenti informazioni:
Deflex acrilato è "una resina di polimethyl metacrilato appartenente al gruppo dei polimeri termoplastici.."
Ora per quello che vedo cercando info sul materiale leggo che: il polimetilmetacrilato (in forma abbreviata PMMA) è una materia plastica formata da polimeri del metacrilato di metile, estere dell'acido metacrilico.
Dai test fatti a mia mamma l'intolleranza più grave risulta essere proprio quella al metil metacrilato (metacrilato di metile).
Non ho capito bene io o anche queste resine termoplastiche non sono assolutamente la soluzione? O ne esista una contenente polimeri di derivazione differente?

Grazie mille in anticipo per la risposta...

[#6] dopo  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Da quel che mi risulta esistono un Deflex poliamide e un Deflex acrilato.
Su internet ho trovato questo sito che riporta due brochure distinte per i due materiali.
http://www.spgodontotecnico.it/area-laboratori/protesi-in-deflex.html
Ovviamente nel caso di sua madre bisognerebbe evitare Deflex acrilato.
Di più non saprei dirle.
La cosa migliore è affidarsi ad un dentista bravo e coscenzioso ed affidare a lui queste "ricerche".
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it