Utente 376XXX
Salve,
sono una ragazza di 23 anni che sin da piccola soffre di continue afte in bocca. Qualche anno fa per un periodo ( circa un anno e mezzo ) sono scomparse e non si sono fatte più vedere. Ma trascorso questo periodo sono riapparse costanti, ne ho circa due o tre al mese ( anche più di una contemporaneamente ) di solito in massimo 8/9 giorni il dolore sparisce e la lesione scompare in massimo 15 giorni. Dopo l' annetto di pausa ( periodo non meno stressante di altri e non caratterizzato da particolari abitudini diverse da quelle che avevo prima e che ho adesso ) tendono a comparire quasi tutte nello stesso punto ( punta della lingua ) prima apparivano spesso anche sulle guance. Scrivo in questo momento perché sono esasperata di fronte ad un afta che ho da 17 giorni sulla punta della lingua, adesso è diventata enorme sembra ingrandire piuttosto che regredire e con un dolore che sta diventando quasi invalidante ( faccio fatica a parlare, a mangiare e mi sveglio nel cuore della notte con l' afta che brucia tantissimo ) Per molto tempo ho applicato " Cortifluoral " che ritenevo abbastanza efficace. Sono due volte però che in farmacia non lo trovo e perciò sono tornata ad usare " Pyralvex " che usavo costantemente da piccola ma ho come l' impressione che questo invece di aiutare la guarigione è come se stuzzichi l' afta mantenendola sempre " attiva ". Faccio presente che ho fastidi di stomaco soprattutto notturni tipo gastrite e colite che hanno sempre imputato ad una questione nervosa e di stress. In farmacia mi hanno dato " immuniflor " per cercare di rafforzare il sistema immunitario e prevenire le afte. La mia domanda è: a chi devo rivolgermi per cercare di capire le cause di queste afte? è normale che ne ho una dolorante da 20 giorni? quali potrebbero essere le cause?? Sono una studentessa fuori sede e il mio medico di base nel mio paese praticamente non c'è mai. Poi quale farmaco mi consigliate come migliore per alleviare il dolore?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentile utente lo specialista di queste patologie è l'odontoiatra che si occupa di patologia orale; chiaramente in questo caso ci manca la diagnosi certa, per cui è bene sottoporsi a un controllo.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Dr. Lorenzo Paolo Bottini

20% attività
4% attualità
8% socialità
ALBANO LAZIALE (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Aggiungo a quanto giustamente detto dal collega, che a volte episodi anche asintomatici di reflusso gastro esofageo possono alterare il ph orale e favorire l'insorgenza delle afte,così come dei traumi dovuti ad una malposizione dentaria,o la presenza di tartaro. Oltre alla visita odontoiatrica sarebbe forse utile un consulto con un gastroenterologo. Ne parli con il suo medico di base. Inoltre esistono collutori o gel specifici per alleviare la sintomatologia aftosa, a base ad esempio di aloe altri composti che creano una "barriera filmogena" (cioè una specie di rivestimento) sulle afte diminuendone la sintomatologia. Saluti
Dr. Lorenzo Paolo Bottini
Odontoiatria Specialista in chirurgia odontostomatologica
www.pro-smile.it