Utente 432XXX
Buongiorno,

Vivo da qualche mese in Belgio e ieri mi sono recata da un dentista per un dolore a un molare superiore destro che persisteva da giorni (insieme a gengiva gonfia e dolore a un nervo di guancia e collo), scomparso poi quasi del tutto due giorni fa. In quei giorni ho cercato di tamponare il dolore con ibuprofene e paracetamolo, ma non sempre ha funzionato.
Il dentista ha effettuato alcuni test, ovvero ha picchiettato delicatamente il dente (nessun dolore), ha picchiettato più forte al centro (dolore acuto) e ha applicato del cotone imbevuto di ghiaccio spray (nessuna sensibilità, a differenza dei denti circostanti). Mi ha fatto una lastra da cui risultava una macchia scura alla radice del dente e mi ha spiegato che il nervo di quel dente è morto e vi è una carie profonda tra il dente stesso e un'otturazione effettuata anni fa; infatti, il dente alla vista appare diviso nettamente in due da una riga grigia, mentre la parte inferiore è bianca e quella superiore (attaccata alla gengiva) ha un colorito grigiastro. A questo punto mi ha consigliato di rivolgermi a uno specialista in endodontologia, a cui ha inviato via e-mail la lastra e da cui ho preso appuntamento per una devitalizzazione fra un mese.
Ciò che mi preoccupa è il fatto che il dentista mi ha anche detto che c'è comunque il rischio che mi debbano estrarre il dente in ogni caso, perché c'è più otturazione che dente e quindi potrebbe non esserci abbastanza materia per ricostruire dopo il trattamento. A questo punto mi chiedo se valga la pena di spendere tanti soldi per provare a salvare il dente anche se pare esserci un'alta percentuale di rischio di non riuscire. Mi piacerebbe avere il parere di altri specialisti al riguardo; so bene che senza vedere il dente né le lastre non si può dare una risposta certa, ma in base alla situazione descritta, pensate che possa valere la pena provare? Quante sono le possibilità che un dente come il mio possa durare ancora a lungo dopo la devitalizzazione? Da un lato non mi va molto l'idea di perdere un dente a 27 anni, dall'altro probabilmente risparmierei un sacco di tempo e soldi...
Spero che possiate darmi un vostro parere, naturalmente terrò anche conto di ciò che mi dirà il dentista che ha visto il dente e mi confronterò ancora anche con lui, ma vorrei sentire più di una campana.

Grazie mille!

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Dal racconto pare corretto il parere del Collega belga,che giustamente
la invia da uno specialista in endodonzia per un trattamento canalare del dente necrotico
con un verosimile granuloma all'apice radicolare( macchia scura).Data la complessità del caso,la cui prognosi e' legata ad una varietà di fattori,si chiarisca bene con l'endodontista e in particolare
dei costi da affrontare
(devitalizzazione+ricostruzione+corona)
Valuti il tutto anche ai fini prognostici.
Personalmente se il dente è irrimediabilmente compromesso,opterei per l'avulsione e la sostituzione implantoprotesica.Eventualmente ci tenga al corrente se crede.

Cordialità
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia