Utente 232XXX
Salve,

Vi scrivo per parlarvi di una estrazione dentale che speravo risolutiva ed è invece diventata la mia croce.

Di recente ho subito l'estrazione di un molare superiore sinistro, dente devitalizzato diversi anni fa e rottosi poi successivamente, irrecuperabile ed infiammato è quindi stato estratto.

Una settimana dopo l'estrazione mi spunta una bollicina piccola e dura sul lato esterno (sinistro) della gengiva.
Ero fuori per motivi di studio, non ero vicino al mio dentista di riferimento (che ha effettuato l'estrazione) e mi rivolsi ad un altro dentista che toccando la bollicina (notando che era particolarmente appuntita) concluse che fosse un frammento osseo rimasto intrappolato nella gengiva.
Effettivamente era una bollicina davvero strana, appuntita, quando la muovevo sentivo smuoversi qualcosa dentro.
Prendo appuntamento con questo dentista per rimuovere questo frammento osseo, peccato che dopo due settimane, alcuni giorni prima dell'appuntamento, questo "frammento" viaggia più all'interno nella mia gengiva... scomparendo all'interno di essa.
Il dentista, meravigliato, mi dice che non avrebbe potuto operarmi per togliere il frammento vagante in assenza di una ortopanoramica dato che il frammento si era spostato più internamente e non era più palpabile superficialmente.
Mi rivolgo nuovamente al mio dentista del mio paese, prendendo appuntamento con lui per la prossima settimana, gli parlerò di questa situazione sperando che lui possa risolvere più velocemente dell'altro (la prima disponibilità per l'ortopanoramica era a fine febbraio!!!)

Quello che vi chiedo è:
1) può un'ortopanoramica rilevare un frammento osseo così piccolo? Non penso superi il millimetro, un millimetro e mezzo!
2) il secondo dentista a cui mi sono rivolto mi ha consigliato, dopo avergli espresso le mie perplessità sull'ortopanoramica e in caso di esito negativo della stessa, una tac dentale!!! Può davvero essermi utile? È in grado di rilevare frammenti ossei anche di piccolissime dimensioni?

Intanto nella mia gengiva si insinua sempre quel fastidio, quel senso di pressione e gonfiore, quando la tocco fa male e sento proprio un "pezzo rimasto dentro.."
Come si può risolvere una situazione del genere? Come mi consigliate di muovermi?
Se mi consigliate qualche bravo specialista che può velocemente risolvere questo problema posso muovermi fra Chieti e Roma.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Molto banalmente è sufficiente una rx endorale per verificare se è residuato un frammento di radice,mentre se si tratta di una "spicola ossea",(come credo)è sufficiente un esame obiettivo ,con eventuale sondaggio della "famosa bollicina"......
Cordiali Saluti ed Auguri
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 232XXX

Salve, la bollicina è praticamente rientrata, non la ho più perché questa spicola ossea è entrata molto in profondità!
Ho i sintomi ma non ho più la bolla ne l'escrescenza palpabile!
Cosa si fa in questi casi?

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Esame clinico ed rx endorale sono sufficienti per risolvere il dubbio.
Eventuali esami radiografici di secondo livello( CBCT) non li ritengo nel caso specificato di grande utilità.
Cordialità
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 232XXX

Salve,

come immaginavo il mio dentista dopo ben 3 rx endorali non ha notato nessuna anomalia nelle lastre, ha allora proceduto con un uncino a "graffiare" e tagliare la zona dove accusavo la spicola ossea ma niente da fare, non è emerso nulla.
Non so più dove sbattere la testa! E pensare che fino ad un paio di settimane fa questo ossicino era palesemente palpabile.

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Due sono le possibilità,o è stata espulsa e non se ne accorta,oppure è stata riassorbita.Comunque se non ha più alcun fasidio,direi di soprassedere ad ulteriori indagini.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#6] dopo  
Utente 232XXX

Il problema è che il fastidio continua, il mio dentista mi ha detto di attendere una settimana e mi ha fissato un altro appuntamento per mercoledi prossimo.
Quali sarebbero ulteriori indagini che si possono fare per accertare l'espulsione o il riassorbimento?

[#7] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Sarebbe necessario intervenire chirurgicamente per esplorare "a cielo aperto" e quindi poter "vedere","capire" e risolvere finalmente il problema.Altre soluzioni non le vedo.
Buona Serata
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#8] dopo  
Utente 232XXX

Questa mattina mi sono svegliato con una guancia incredibilmente gonfia e dolente.
Sotto consiglio del curante e del dentista ho iniziato terapia antibiotica con augmentin.
Di sicuro adesso mi riposo un po', quando la situazione migliorerà vedrò il da farsi per approfondire questo problema.

Grazie per la disponibilità