Utente
Salve Dottori,
da circa una settimana sento fastidio nella arcata inferiore sx.
Il fastidio aumenta e diminuisce a giorni alterni.
Ho provato a risolvere con dentifricio e colluttorio Curasept che in parte hanno alleviato il fastidio.
Vorrei precisare che non ho preso antinfiammatori in questi giorni in quanto il fastidio era tollerabile.
Lunedì mi sono rivolto al mio dentista spiegandogli la situazione.
Dopo avermi controllato ha escluso la presenza di carie o problemi gengivali.
Inoltre considerato che il secondo premolare (45) è devitalizzato e il molare (46) ha una vecchia otturazione, la sua diagnosi è che potrebbe esserci un'infiltrazione proprio in quella vecchia otturazione che però sembra ben fissata.
Quindi non se l'è sentita di aprire quella vecchia otturazione e mi ha detto di aspettare per vedere come si evolve la situazione senza darmi una possibile cura o soluzione tampone.
Lunedì sera e ieri il fastidio è aumentato tant'è che ho dovuto prendere un OKI (forse dovuto al fatto che il dentista è andato attorno al dente che mi crea fastidio).
Ora mi chiedo cosa posso fare?
Grazie

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, è questo il momento di ritornare dal suo odontoiatra, è passato il tempo necessario per confermare le cure che abbisogna.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente
Spett. Dott. Ruffoni,
la ringrazio per la sua risposta.
Oggi ho telefonato al mio odontoiatra spiegandogli la situazione, ma mi ha risposto che bisogna aspettare perché non si capisce bene qual è il dente che mi duole e quindi non ha senso intervenire. Sono rimasto basito. Cosa mi consiglia di fare? Grazie

[#3]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Gli spieghi che il quadro è cambiato e probabilmente con un controllo radiografico si riesce a stabilire da dove proviene la sintomatologia.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#4] dopo  
Utente
Certamente, è quello che ho fatto. L'odontoiatra però mi ha ribadito che fino a che non si rompe qualcosa oppure diventa un dolore insopportabile non ha senso intervenire visto che non è chiaro da dove proviene il male. Non le nascondo che sarei quasi propenso a cambiare dentista data la superficialità con la quale ha trattato il problema. Penso che voi specialisti abbiate tutti i mezzi per capire da dove viene il problema o sbaglio?

[#5]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Certo che abbiamo i mezzi diagnostici. Gli dica che il fastidio è diventato insopportabile, che vorrebbe porre fine a questa situazione, evitando altre complicanze dovute a cure non precoci, di cui in questo caso sarebbe lui il responsabile. Si ricordi prima di uscire di farsi rilasciare per iscritto che non presenta nulla di patologico ai denti.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#6] dopo  
Utente
Buongiorno Dottor Ruffoni,
ho nuovamente chiamato il mio odontoiatra il quale mi ha risposto piuttosto seccato ribadendo ancora una volta quanto detto ieri e che non ha intenzione di intervenire. Io ho chiesto cosa potevo fare visto che il male è diventato insopportabile e lui mi ha detto di prendere l'antibiotico augmentin 2 volte al giorno per 5gg e OKI al bisogno poi di richiamarlo e riferirgli come mi sento. Penso che l'antibiotico possa solo posticipare un eventuale intervento da parte dell'odontoiatra e non risolvere la mia situazione. Grazie ancora per le sue risposte

[#7]  
Dr. Diego Ruffoni

36% attività
20% attualità
20% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2013
Controlli se lo ritrova iscritto all'ordine dei medici. L'antibiotico senza ricetta medica non lo danno, vada da lui per farsi scrivere la ricetta e nell'occasione si faccia mettere per iscritto la diagnosi della patologia che richiede la cura con antibiotica.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/