Utente 387XXX
Gentili dottori, chiedo scusa per il disturbo.

Mi chiamo Diego ho 34 anni e mi trovo all estero per lavoro.

Vi contatto per un mio problema alla lingua.
Circa 5 settimane fa mi è comparsa una piccola macchia con i bordi bianchi leggermente rossa al centro.
Premetto che questa macchia mi e comparsa nello stesso luogo dove ho ricevuto una biopsia due anni fa.
Esattamente tra il 2017 e il 2018 ho ricevuto due biopsie per via di alcune escescenze che si sono rivelate solo essere una infiammazione.

La scorsa settimana mi sono rivolto dal mio oralmaxillo il quale dopo una visita del palato e un uso della sualuca credo a ultravioletti mi ha detto di fare una biopsia nuovamente con urgenza per avere la certezza alche io mi sono preoccupato.

Al momento io sto tenendo sotto controllo in quanto la mia biopsia e fissata per il 20 di febbraio ma sono preoccupato per le possibili conseguenze di ripetute biopsie alla lingua, vorrei chiedervi se sia necessario effettuare nuovamente una biopsia o posso aspettare un po'?
Vorrei aggiungere che al momento ho un po' di disturbo alla lingua in quanto sento che c'è qualcosa, e a volte quando deglutisco la saliva sento come un nodo in gola, lo stesso sintomo che provai dopo la prima biopsia.
inoltre sto controllando la macchia ed e' stabile, senza crescite.

Cortesemente se potete consigliatemi cosa fare in quanto sono preoccupato per la biopsia, il dolore e le conseguenze che può portare.
Mi verrà eseguita in anestesia locale credo se deciderò di farla.

Grazie infinite del vostro aiuto.


Diego

[#1]  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo utente, non conosco la figura del oralmaxillo, in Italia delle patologie del cavo orale le cura l'odontoiatra che si occupa di patologia orale. Non è raro trovare sul palato lo stampo della lesione linguale, caratteristica a volte presente nella glossite romboide mediana. La biopsia programmata tra qualche giorno va eseguita per sua tranquillitá, essa confermerà un sospetto diagnostico o escluderà determinate patologie e potrà eventualmente programmare un nuovo intervento. Il dolore, tipo di anestesia, post, dipendono dal tipo di biopsia escissionale o incisionale e dalla dimensione dell'intervento.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/


[#2] dopo  
Utente 387XXX

La ringrazio gentile dottore per la sun celere risposta
vorrei solamene chiederle se ripetute biopsie possano comportare rischi nel futuro in quando le biopsie possono Essere considerate traumi alla lingua?
La ringrazio nuovamemte per il duo tempo e gentilezza.
Diego

[#3]  
Dr. Diego Ruffoni

28% attività
20% attualità
16% socialità
MOZZO (BG)
CARNATE (MB)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2013
Le biopsie sono accertamenti diagnostici, di cui si controlla la completa guarigione, se eseguite correttamente non provocano danni futuri.
Dr. Diego Ruffoni
http://www.dott-diego-ruffoni.it/