Utente
Salve le richiedo una consulenza per una problematica che si sta protraendo da più di un mese ormai

È iniziato tutto con un bruciore intenso alla lingua, esteso a tutta la superficie.

A questo si è associata una lesione localizzata sul pavimento orale, verso la gengiva, che si è espansa, procurandomi anche un seppur lieve malessere.

A questa lesione localizzata si sono aggiunte nei giorni successivi delle lesioni ai lati della lingua, di colore rosso, che sparivano dopo alcune ore.

Da alcune settimane a questa parte ho notato la comparsa di lesioni che si svuluppano sulla lingua (ai lati di solito) , scompaiono dopo qualche ora, e si ripresentano il giorno dopo nello stesso o in altro punto della lingua.

Ho utilizzato vari colluttori ed il cortifluoral (l'unico rimedio veramente efficacie), tuttavia il problema persiste.

La mattina sembra tutto nella norma, salvo poi ripresentarsi la sintomatologia nel primo pomeriggio e perdurare fino a sera.

Ho utilizzato colluttori di tutti i tipi ma il problema si ripresenta.
Dieci giorni prima del l'insorgenza della sintomatologia ho avuto una faringite trattata con amoxicillina/acido clavulanico.
Ho consultato un dermatologo che a tal proposito mi ha indicato di effettuare esame tas.
L emocromo invece è perfetto, i neutrofili e gli altri globuli bianchi sono nella norma, così come la pcr che ha un valore di 2.


Volevo chiederle se è necessario approfondire con altri esami ematici inclusa la tas suggeritami dal dermatologo ed inoltre se potrebbe essere necessaria una terapia antibiotica oppure tale problematica è più verosimilmente ascrivibile ad un'autoimmunità.

La ringrazio

[#1]  
Dr. Enzo Di Iorio

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
FRANCAVILLA AL MARE (CH)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2010
Prima di azzardare ipotesi diagnostiche (peraltro pressochè impossibili solo sulla base di quel che ci dice) è necessario effettuare una visita e lo specialista di riferimento è l'odontoiatra con esperienza in patologia orale.
Esegua la visita, senz'altro riceverà delle indicazioni che la aiuteranno.
Cordiali saluti
Dr. Enzo Di Iorio
Chirurgo Odontoiatra specialista
enzodiiorio@hotmail.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta, senz'altro consulterò l'altro specialista. Altra sintomatologia che a volte si presenta al posto dell'afta classica è il bruciore alla lingua con comparsa di bollicine rosse (o più probabile siano papille normalmente presenti che si infiammano).
La mia domanda è a fronte di esami ematici nella norma (pcr, leucociti ecc nella norma) è ipotesi totalmente da scartare una eventuale infezione batterica o una recidiva dovuta ad un precedente evento acuto tonsillare che mi si è presentato qualche settimana prima della comparsa dei sintomi? Questo perché al dermatologo era venuto questo dubbio, ed a tal proposito mi ha consigliato il prelievo con esame tas.
Grazie

[#3] dopo  
Utente
Buonasera, ho effettuato visita dall'odontoiatra che non ha rilevato nulla di anomalo.

Ho fatto altri esami ematologici dai quali è scaturita una carenza di acido folico valore 2.1 (valori di riferimento 4,6-34,8), bilirubina diretta leggermente elevata 0,37, con bilirubina totale nella norma, lieve monocitosi 1,1 (valori riferimento 0,7-1). Ho eseguito anche tsh 2,5 (valori di riferimento 0,27-4,2, ana test 0,7 (inferiore a 0,8 è negativo) tas 72 (valori di riferimento 0-200).
Ho iniziato quindi un'integrazione di acido folico, dietro consiglio medico, tuttavia dopo una settimana, compaiono sempre e, non so se casualmente, durante seconda parte della giornata, queste afte a livello linguale. Solo alcune mattine riscontro bruciore a livello della punta della lingua. Queste afte, che non riscontro al mattino, si sviluppano lentamente nel corso della giornata e riguardano soltanto la lingua senza intaccare il resto della mucosa orale.
Posso eseguire altri esami ematochimici o devo rassegnarmi ed attendere che migliori? Sono già ormai due mesi che soffro di questo fastidio.
Grazie