Utente 920XXX
salve,prima di fare la domanda vorrei fare una piccola premessa.a mio padre nel mese di agosto sono state trovate delle metastasi diffuse in tutto l'addome e l'ascite,ci hanno detto che avrebbe avuto pochi mesi di vita,noi non gli abbiamo detto la verità,lo curavamo a casa,all'inizio i dolori si gestivano con tachipirina e codeina ma poi siamo ricorsi alla morfina e all'ossigeno perchè non riusciva a respirare bene,in tutto questo percorso,nonostante la metastasi al fegato,è sempre stato lucidissimo e cosciente,anche la sera che è morto,ci ha chiesto di portarlo al pronto soccorso e li ha iniziato a peggiorare,non riusciva più a respirare e i medici non hanno fatto niente,solo una flebo di valium,nonostante le nostre suppliche,perchè vedevamo che soffriva come un cane e chiedeva di aiutarlo,e mio padre,60 anni,è morto dopo 6 ore di agonia in piena coscienza.é legale far morire un uomo lucido e cosciente in questo modo?grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
No se fosse come dite voi.

Manca però per esprimere un giudizio obiettivo una completa versione dei fatti e tra questi anche la versione dei medici chiamati in causa nella prestazione che ci ha raccontato.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com