Utente 140XXX
Dott. Buongiorno
ho ritirato le analisi di mia suocera in terapia con carboplatino + paclitaxel
II linea x recidiva cancro ovarico.

I risultati sono i seguenti:
Eritrociti 4,34 (4,20-5,40)
Emoglobina 13,5 (12-16)
Ematocrito 39,2 (37-47)
Volume globulare medio MCV 90,3 (80-96)
Contenuto medio di Hb MCH 31,1 (27-31) ****
Conc.media di Hb MCHC 34,4 (32-36)
Ind.distribuzione vol.eritrocitario 13,9 (11-16)
Piastrine 269 (150-400)
MPV 12,4 (8,4-12,8)
Leucociti 10,16 (4,8-10,8)
Neutrofili 81,4%
Linfociti 12,8%
Monociti 4,9%
Eosinofili o,7%
Basofili o,2%
Glucosio 116 (70-110) ****
Urea 42 (inf.50)
Creatinina 0,74 (o,5-0,9)
Sodio 135 (133-145)
Potassio PRESENZA DI FORTE EMOLISI *****
Cloruro 101 (96-110)
AST 81 (7-35) ******* (precedenti mass.20)
ALT 35 (7-35) ******* (precedenti mass.20)
CA125 21,5 (inf.35) (precedenti 22/23)

Cosa significa Potassio Presenza di forte emolisi?
L'aumento delle AST e ALT?
Può fare la chemioterapia?

Grazie e buona giornata

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

la dizione "presenza di forte emolisi" vuol dire che è presente una grande quantità di elementi cellulari del sangue che sono stati "traumatizzati" dal prelievo e che quindi hanno rilasciato nel sangue prelevato il contenuto del loro citoplasma. Cosa vuol dire? Che il potassio, in gran parte contenuto all'interno di queste cellule, non può essere dosato in modo attendibile. Basta solo ripetere il prelievo. Le transaminasi non sono molto alterate e direi che la chemioterapia si può fare (a meno di altre problematiche non segnalate).

un caro saluto

Carlo Pastore
www.ipertermiaroma.it
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it