Utente 392XXX
Salve a tutti,

Scrivo a proposito di mio padre.
Purtroppo un paio di settimane fa, in base ai risultati di analisi del sangue, ci siamo resi conto che era vittima di una forte anemia (Hg=8). La preoccupazione e' stata forte perche' siamo coscienti di cio' che potrebbe significare. Sono state quindi svolte ulteriori analisi (controllo dei marker tumorali e controllo del fegato). Entrambi i risultati sono stati soddisfacenti: i marker erano negativi e i parametri del fegato perfetti. In attesa di una colonscopia abbiamo provveduto con flebo di ferro per cercare di riequilibrare l'emocromo. La colonscopia ha svelato la presenza di diversi polipi, di cui uno gia' degenerato in un tumore al colon. I medici sembra siano orientati verso l'operazione, ma ovviamente il primo giorno di ricovero sara' dedicato alle opportune analisi (TAC).
La mia domanda e' questa: in base ai marker negativi e ai parametri del fegato (tutti regolari), si puo' sperare in un tumore in stadio non avanzato (assenza di metastasi) e quindi operabile? Gia' il fatto che i medici abbiano parlato di operazione fa ben sperare, ma non vorrei che fosse un'illusione e l'operazione serva solo per evitare rischi di occlusione. Purtroppo il tempo non passa mai e potete immaginare benissimo che giornate stiamo passando (anche perche' a lui abbiamo detto che ha soltanto dei polipi benigni).
Grazie mille

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
In primis è necessaria la DIAGNOSI ISTOLOGICA chiara e completa, relativa anche al grado di infiltrazione della parete. Poi gli altri esami di imaging contribuiranno a dare un quadro preciso dell'eventuale estensione di malattia o dell'assenza di altre localizzazioni.
Molto cordialmente
Dr.Filippo Alongi
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 392XXX

Grazie mille per la risposta immediata.
So che non bisognerebbe mai sbilanciarsi prima di avere la sicurezza, ma i pochi elementi che ho (marker tumorali negativi e analisi al fegato con valori corretti) potrebbero rappresentare un piccolo segnale positivo oppure hanno proprio un valore nullo? (Ovviamente in attesa di esami piu' approfonditi)
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Caro Amico,

purtroppo la negatività dei markers e la bontà dei parametri epatici non sono un indice di assenza di estensione di malattia. Certamente ovviamente non è detto che ci si trovi di fronte ad una malattia avanzata. E' fondamentale attendere l'esame istologico dopo l'intervento. Fondamentale anche è l'esito della TC total body con mezzo di contrasto che verrà eseguita prima dell'intervento per una stadiazione completa. Dopo l'intervento sarà sempre opportuno rivolgersi (nel più breve tempo possibile) ad un oncologo medico per programmare una eventuale chemioterapia adiuvante. Le chemioterapie comunque non debbono spaventare poichè oggigiorno si sono raggiunti buoni livelli di tollerabilità e si dispone di ottimi antidoti contro gli effetti collaterali.

Un grande in bocca al lupo, sempre a disposizione

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#4] dopo  
Utente 392XXX

Con molto ritardo (scusate, ma e' stato davvero un periodaccio) vi ringrazio molto per i vostri interventi.
Il tumore e' stato operato e la situazione sembra essere ottimistica in quanto la TC e la palpazione del fegato non sembrano aver individuato alcuna metastasi.
Siamo adesso in attesa dei risultati dell'esame istologico.
Nel frattempo, in questa estate da dimenticare, abbiamo avuto notizia di un tumore al polmone a mia nonna.

Ma non e' questa la sede adatta per parlarne.
Volevo solo ringraziarvi di vero cuore per la disponibilita'.