Utente 137XXX
Gent.mi medici
Presente K prostatico irradiato e trattato con ormonoterapia (casodex 150 per 2 anni e poi con casodex 50 + enantone 11,25) e 13 infusioni di acido zoledronico, Psa 0,013, cromogranina nella norma. Ciò premesso Vi chiedo gentilmente di voler chiarire la differenza tra lesione osteolitica e lesione osteoaddensante, dire quale delle 2 è più “pericolosa” per il paziente e come vanno trattate. Vi chiedo infine : dire “LESIONI” osteoaddensanti è la stessa cosa dire “AREE” osteoaddensanti? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
la lesione (o area ossea) osteoaddensante è sicuramente meglio di quella litica in quanto non vi è perdita di materiale, anche se la sua densità è come un bicchiere di cristallo che potrebbe rompersi se prende un colpo nel punto giusto.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)