Utente 266XXX
Buongiorno, vi scrivo perché ad un mio amico è stato diagnosticato un cancro al polmone. Ha iniziato oggi la chemioterapia per via endovenosa e se è in grado di sopportarlo dovrà fare 3-4 cicli.
Vi chiedo se durante questo periodo di cure ci siano degli alimenti indicati oppure altri da evitare per aiutare il fisico a sopportare la chemioterapia. Considerate che il mio amico ha 35 anni, un fisico di natura molto esile (pesa 58 kg per 175 cm) ma muscoloso (da ciclista per intenderci)
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Cara Amica,

non esistono delle restrizioni dietetiche. Può mangiare tutto ciò che gli va e poichè probabilmente avrà una diminuzione dell'appetito in conseguenza dei trattamenti, potrà essere opportuno integrare la dieta con dei preparati farmacologici.

un caro saluto ed un grande in bocca al lupo

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

Concordo con il dr. Pastore che vanta sicuramente maggior competenza del sottoscritto.


Questo problema è stato studiato in particolare per la dieta in corso di chemioterapia adiuvante in pazienti affette da tumore al seno , che hanno anche la necessità di affrontare l'effetto indesiderato dell'aumento di peso in corso di terapia.

Presso l'Istituto dei Tumori di Milano, Franco Berrino ha addirittura istituito dei corsi per IMPARARE A MANGIARE in corso di chemioterapia e per la prevenzione delle ricadute della malattia.

Quando "non c'è appetito" il consiglio del dr.Pastore ovviamente non può essere messo in discussione.


In casi particolari una alimentazione adeguata ha sicuramente un ruolo significativo in in corso di chemioterapia anche per altre patologie, soprattutto per ridurre gli effetti collaterali a carico dell'apparato gastroenterico , ma anche per assicurare un sufficiente apporto di nutrienti al paziente.

Le mie cosiderazioni sono comunque in pieno accordo con quelle del collega Pastore
che saluto vivamente.



Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com