Utente 134XXX
Buonasera.
Ho 54 anni e sono stata operata al seno nel 1993 e nel 2009. Due k di natura completamente diversa. Per quanto riguarda l'ultimo k, è risultato essere un g2 di 7mm, linfonodo sentinella pulito, nessuna metastasi. IORT e tamoxifene; candidata a cross in breve tempo. Gli ultimi controlli eseguiti nello scorso marzo sono risultati tutti negativi e l'oncologo mi ha prescritto una serie di esami del sangue per poter stabilire l'eventuale passaggio agli inibitori dell'aromatasi.
I risultati sono tutti nella norma, tranne s-fosfatasi alcalina 29- valori rif. 39/117 e emoglobina 12,9 rif 13/17,5.
Ora sono molto preoccupata di quel basso valore della fosfatasi e, se non è troppo disturbo, chiedo un chiarimento in merito. Preciso che sto bene e non avverto dolori particolari e duraturi, tolto qualche mal di schiena o agli arti inferiori che passano appena cambiata posizione o passato qualche minuto, ma che avevo anche a 40 anni..........
Ringrazio per le cortesi risposte.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
meglio un valore basso che non alto indicativo di una probabile sofferenza parenchimale od ossea.
Stia serena
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente 134XXX

Buongioro,
la ringrazio per la risposta e non posso che rasserenarmi per quanto mi dice.
Però un valore comunque "sballato" un significato deve averlo. Pensare che non si tratti di problemi al fegato o alle ossa è sicuramente positivo, ma che cosa provoca un abbassamento dell'enzima in questione? Abbia pazienza, Dottore, la curiosità è proprio femmina. La ringrazio anticipatamente se vorrà rispondere al mio quesito.
Buon lavoro

[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
a volte valori bassi di fosfatasi alcalina possono essere legati ad aneimia o disturbi tiroidei, ma meglio averli bassi che alti che lo scenario delle possibili patologie si amplia notevolmente.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)