Utente 235XXX
Salve, ho 58 anni, in menopausa da 4. Il 9/9/2011 a seguito di una visita annuale ginecologiche, con relativo pap-test ed ecografia vaginale, la ginecologa scopre una piccola falda liquida nel douglas di 8.3 mm per 5.3 mm; mi dice chè è un infiammazione, e può essere di qualsiasi natura, anche di origine tumorale. La ginecologa mi fa quindi eseguire analisi del sangue, ecografia addominale completa e i market tumorali CA125 - CA19 - AFP - CEA , tutto con risultato negativo. A distanza di 40 giorni (1/12/2011) eseguo nuovamente l'ecografia vaginale rilevando una falda liquida di 3.8 mm.
Volendo ulteriori chiarimenti, espongo il mio problema al reparto oncologico. Dopo una preliminare visita, vengo ricoverata e il 15/12/2011 vengo sottoposta nuovamente ad ecografia addominale completa, a RX al torace, analisi alle feci e market tumorali (CA125, CA19-9, CA15-3 e CEA) anche questa volta con risultato negativo.
Vengo anche sottoposta a visita ginecologica ed ecografia vaginale rilevando falda liquida di 9 mm per 10 mm.
Dopo dimissione mi viene consigliato di monitorare questa presenza di liquido e a distanza di 3 mesi di ripetere nuovamente i medesimi controlli.
Chiaramente non mi sento molto tranquilla e sono impaurita. Non sarebbe opportuno a questo punto fare degli accertamenti più specifici (TAC o altro) dato che il problema è presente da più di 4 mesi? Che iter mi consigliate di seguire?
Grazie delle gradite risposte.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

suggerirei un approfondimento, probabilmente per eccesso di scrupolo, con RMN addome completo. A mio avviso non è nulla di serio ma la prudenza si impone.

Cari saluti
Dr. Carlo Pastore
www.ipertermiaitalia.it

[#2] dopo  
Utente 235XXX

Dottore, la ringrazio per il consiglio, farò un'approfondimento.
Grazie ancora
Cordiali saluti
235051