Utente 558XXX
buona sera. scrivo per tentare di avere maggiori informazioni sulle possibili cause e conseguenze di un valore di gamma gt molto alto. il problema di salute riguarda mio padre, 75 anni, operato di tumore benigno al polmone a inizio 2002. in seguito a quell'operazione non si è dovuto sottoporre a nessun tipo di trattamento, limitandosi ai controlli periodici prima ogni tre mesi, poi ogni sei e ultimamente ogni nove mesi. mio padre è da tempo sovrappeso, e da una decina d'anni prende farmaci per tenere sotto controllo i valori di colesterolo. un'ecografia al fegato di circa un anno fa, effettuata in occasione di uno dei controlli periodici con l'oncologo, ha evidenziato un angioma, ma il medico ci ha detto che si tratta di un problema non pericoloso, rassicurandoci molto. le ultime analisi del sangue, che risalgono a circa 3 settimane fa, hanno però evidenziato un valore di gamma gt pari a circa 300. il medico di famiglia ci ha consigliato di fare esami del sangue specifici per l'epatite e per un altro parametro, che se non ricordo male era segnato come anti-Ca. per queste analisi, purtroppo, dobbiamo aspettare quasi un mese, e sono parecchio preoccupata.
mi rendo conto di sottoporre un quesito poco preciso, ma vorrei chiedere un chiarimento sulle possibilità che si tratti di un problema molto serio.
grazie per l'attenzione,
silvia

[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gent.ma Utente,
la gamma-GT è un enzima contenuto in molti tessuti: fegato, intestino tenue, milza, pancreas e reni e un suo rialzo potrebe essere legato a varie situazioni cliniche tra cui:
alcolismo
cirrosi
colestasi epatica
epatopatie / steatosi
uso di alcuni farmaci
pancreatiti
...
Ritengo che in atto considerando l'asintomaticità, non vi siano motivi di preoccupazione, fermo restando un'eventuale riverifica del dato e il proseguimento dell'iter diagnostico, già in corso.
Per curiosità, Le chiedo di quale neoplasia benigna è stato operato Suo padre, nel 2002.
Rimanendo a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#2] dopo  
Utente 558XXX

devo scusarmi, mi sono accorta di quello che credo di poter definire il classico "lapsus freudiano": in realtà il tumore era maligno, ma per fortuna l'intervento e l'asportazione hanno dato il miglior esito che fosse dato sperare. infatti, come ho detto, non è stata necessaria alcuna terapia ulteriore.
in realtà la mia preoccupazione viene anche dal fatto che mio padre non è un bevitore. ha sempre bevuto con molta moderazione, e negli ultimi anni ha ulteriormente diminuito il bicchiere di vino che era solito bere a pasto. adesso ne beve mezzo per pasto, e non prende nessun altro tipo di alcolici.
i farmaci che assume quotidianamente, ormai da parecchi anni, sono: torvast, ascriptin e procorum. però ho paura che non si possano addebitare dei valori così fuori controllo ai farmaci. o forse sì?
ringrazio davvero tanto per la solerte risposta: in questo momento di apprensione un parere autorevole è di grande aiuto.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
La ringrazio ma il mio non è un parere AUTOREVOLE ma di medico oncologo che frequenta tali ambienti da vent'anni.
Ribadisco che ritengo che in atto considerando l'asintomaticità, non vi siano motivi di preoccupazione, fermo restando una riverifica del dato e il proseguimento dell'iter diagnostico, già in corso.
Ci tenga informati.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#4] dopo  
Utente 558XXX

Egregio dottor D'Angelo, La ringrazio molto per la Sua disponibilità. Il mio uso dell'aggettivo "autorevole" era infatti riferito alla competenza e all'esperienza che la Sua posizione implica, e spero pertanto di non averLe fatto cosa sgradita con la mia affermazione.
Scriverò ancora quando avrò i risultati delle analisi.
Cordiali saluti,
Silvia

[#5] dopo  
Utente 558XXX

Buon giorno, ho ritirato i risultati delle analisi di mio padre stamattina, che riporto di seguito:

SIERODIAGNOSI DI EPATITE B
S-HBsAg: assente
S-titolo anti HBsAg: assenti
S-anti Hbcore: assenti
S-Ig. totali anti HDV: esame non eseguito perché marcatori HBV negativi

SIERODIAGNOSI DI HCV
S-anti HCV test di screening: assenti

Ho già chiesto un appuntamento con il medico di base, ma, se fosse possibile, vorrei sapere se questi esami riflettono una condizione di sofferenza del fegato e se possono spiegare i valori, come ho detto molto alti, di gamma gt.

ringrazio fin da ora per l'attenzione e la disponibilità,
Silvia