Utente 108XXX
Mia madre ha 86 anni ed ha subito versamento pleurico maligno (ER e PGr ++) in pregressa mastectomia bilaterale (1983 e 1999).
Riprendo il discorso per quando riguarda mia madre per riportare esattamente quanto scritto nella lettera rilasciata dall'ospedale e relativa agli ultimi esami effettuati.
Inizia.
In seguito a algie al rachide ha eseguito RX colonna lombare (25.9.2009) che ha evidenziato riduzione degli spazi intersomatici L3-L4 L5-S1. Sta assumendo Femara dal 4/2009. ECO addome completo (5.3.2010): neg. cisti epatiche e renali. RX torace (5.3.2010): invariata rispetto al 9/2009). Agli esami ematici Hb 13,; incremento di CEA 5.7 e Ca15.3 72. Rx torace (1/12) lieve minima riduzione della falda di versamento pleurico sx.
11/04: RX TORACE+ECO ADDOMECOMPLETO: ONC NEG.
7/2011 CEA 6.7 Ca 15.3: 104 LDH 358
Ottobre 2011: Hb 14.2 Ca15.3: 160 CEA 6.36 Ca125: 30.7 ALP 213. Lamenta insonnia; EO: neg.; CEA: 7Ca15.3 187 FA 211.
8/02/2012: modesta astenia, peso 40kg. Eo: negativo
Oggi EE+Rx torace+ eco addome.
->Hb 13.7Creat 1.03 CEA: 14 Ca15.3: 270
Rx torace: comparsa di minima componente pleurica in sede basale dx
Eco addome: cisti epatiche biliari, cisti renali bilat, dilatazione bacinetto renale sx
Visto progressivo incremento markers tumorali e rx torace si sospende Femara e crossa con AROMASIN.
Termina.
Vorrei precisare che i markers CEA e Ca15.3 dalla dimissione del mese di aprile 2009 ad oggi, PROGRESSIVAMENTE, SONO AUMENTATI, rispettivamente da 3,79 il primo e 42,9 il secondo a 14 per il primo e 270 per il secondo!! Senza che la cura venisse rivista.
Ora però, visto gli effetti collaterali (rash cutaneo e squamzione) si è pasati da pochi giorni al AROMASIN. Purtroppo succede che anche queste pastiglie non vengono tollerate (soprattutto disturbi di digestione) e quindi ne prende un giorno si e quattro no.
Ha una nuova visita di controllo nei prossimi giorni. Vorrei chiedere se, a parer Vostro, esite/esistono un'altra/altre cura/e visto che queste si dimostrano (soprattutto ovviamente la prima) inefficaci e con effetti collaterali.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
la capacità di un paziente di tollerare una cura, considerata in un senso più ampio possibile che comprende anche l'accettazione della cura stessa, è fondamentale per ottenere il miglior risultato possibile. Quindi ritengo importante riferire all'oncologo che ha in cura sua madre, la difficoltà nell'assumere Aromasin regolarmente, che sia dovuto ad effetti collaterali o meno.
Qualche alternativa terapeutica c'è (come il fulvestrant), ma è giusto lasciare all'oncologo che segue da vicino sua madre la scelta ed il momento in cui prescrivergliela.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro