Utente 103XXX
Egregi dottori vi scrivo per avere delucidazione in merito alla situazione di mia madre (anni 68) .In seguito ad una colonoscopia eseguita per pura prevenzione (avendo casi di familiarità per i tumori del colon) le è stato diagnosticato un polipo sessile di grosse dimensioni oltre i 4 cm, la biopsia ha dato il seguente esito:adenoma tubolare con displasia epiteliare di basso grado mucosa della base d'impianto, solo parzialmente visibile, indenne .Vi ringrazio anticipatamente per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Proprio perchè la colonscopia è stata eseguita per prevenzione, ora, sempre per prevenzione, tale polipo va asportato. Discuta questa cosa con chi le ha eseguito la colonscopia ed eventualmente con un chirurgo.

Cordiali Saluti
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#2] dopo  
Utente 103XXX

Grazie per la tempestiva risposta vorrei sapere se l'intervento che mia madre dovrà affrontare non potendo essere eseguito per via endoscopica viste le dimensioni del polipo potrà avvenire con qualche altra tecnica meno invasiva (laparoscopia) e se rischia l'applicazione del tanto temuto sacchetto esterno.

[#3] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Per una polipectomia non è necessario applicare la colostomia ("sacchetto esterno").
Sulle possibilità di intervento in laparoscopia, anzicchè a cielo aperto, si deve sprimere il chirurgo che la valuterà.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro

[#4] dopo  
Utente 103XXX

Vi scrivo per informarvi che mia madre è stata sottoposta ad esame Pet Total Body che ha riportato il seguente referto

L'indagine PET evidenzia accumulo del tracciante a livello della regione addomino-pelvica compatibile in prima ipotesi con captazione intestinale aspecifica. Non si evidenziano aree di significativo iperaccumulo del tracciante a livello polmonare e dei restanti segmenti corporei esaminati.Si tratta di un tumore? Ho appena ricevuto il referto via email potete dirmi qualcosa Vi ringrazio anticipatamente.

[#5] dopo  
Dr. Vito Barbieri

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Tranquilla!
E' un referto del tutto aspecifico e senza evidenza netta di iperaccumuli francamente neoplastici.
Dr Vito Barbieri
Dirigente Medico Oncologo
Azienda Ospedaliera-Universitaria - Catanzaro