Apparecchio fisso e due diverse terapie, quale più sensata?

Buongiorno, mia figlia di 11 anni necessita dell'apparecchio fisso, in quanto ha un sovraffollamento con protrusione di 3 grado.
Poiché abbiamo difficoltà economiche ci siamo rivolti a due studi dentistici diversi per valutare sia la terapia che i costi, ed è risultato che il primo odontoiatra consiglia apparecchio fisso bracketts per 2 anni più mascherina conservativa superiore e inferiore a vita, ma da indossare solo la notte; il secondo odontoiatra, invece, ha spiegato che se si espandesse la mandibola inferiore per cercare lo spazio per i denti, succederebbe con il tempo che si protenderebbe troppo in avanti, causando una situazione di malocclusione inversa.
Pertanto, suggerisce di estrarre un incisivo per non andare ad espandere la mandibola, e fare in modo quindi che vi sia spazio per i denti, che andranno a regolarsi con un apparecchio fisso Damon per 1 anno, massimo 1 anno e mezzo, poi filo inferiore e mascherina conservativa solamente all'arcata superiore durante la notte per 2 anni.

La mia domanda è: può effettivamente succedere che la bambina, crescendo solamente con un apparecchio fisso senza l'estrazione dell'incisivo inferiore, rischi di ritrovarsi, crescendo, con una mandibola inferiore in eccessivo avanzamento?
Il dentista ha spiegato che la mandibola inferiore tende a crescere di più rispetto a quella superiore.
Il primo odontoiatra, però, non ha accennato nulla in merito e ciò mi fa pensare che sia un rischio molto basso, o che sia sufficiente portare l'apparecchio per 2 anni invece che 1 per evitare il problema.
Ha effettivamente senso rimuovere un dente per non rischiare una situazione del genere?
[#1]
Dr. Giovanni Auletta Dentista, Ortodontista 1.4k 33
Gentile utente, considerando i limiti di un consulto riferito ad una descrizione, seppur attenta. a mio parere la opzione offertale del II dentista mi appare quella più adeguata.

La risposta ha il solo scopo informativo.

Dr.Giovanni Auletta

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la gentile risposta. Può dirmi se tra un apparecchio bracketts e uno Damon vi sono differenze a livello di efficacia? Ho letto che il bracketts andrebbe regolato ogni poche settimane, causando anche possibile forte dolore, mentre il Damon non necessita di manutenzione; ma uno agisce effettivamente più rapidamente ed efficacemente dell'altro o a si equivalgono?
[#3]
Dr. Sergio Formentelli Dentista, Gnatologo, Ortodontista, Odontostomatologo 7.4k 225 18
Già solo il fatto che un dentista spieghi che usa una MARCA COMMERCIALE di attacchi ortodontici rispetto ad una altra, magnificandone l'uso come se fosse la soluzione del problema mi fa propendere a con considerarlo.
Il sistema DAMON è solo una marca commerciale di attacchi autoleganti caratterizzati dal fatto che non necessitano di elastici per fissare ciascun pezzo al filo metallico.
Il filo, infatti, passa atraverso ciascuno dei brackets che saranno attaccate ai denti.

Non hanno NESSUN VANTAGGIO rispetto agli attacchi classici che necessitano di legature, eccettuata la velocità alla poltrona del dentista, che, in mani abili ed esperti, si può misurare in qualche minuto.

Non vi è nessuna differenza nella durata del trattamento fra il sistema autolegante e quello tradizionale; è lo stesso.

Estrarre un solo incisivo...
Non lo farei mai.
E poi mai.
Non trasformerei una ragazzina nel Polifemo dei denti.

Per cui, BOCCIATO.

Ma neppure la prima proposta mi convince del tutto.
Sopratutto per la "contenzione a vita".

Quando con l'ortodonzia si è raggiunto un equilibrio funzionale fra due arcate, superato il periodo in cui occorre convincere i denti a "restare li", la contenzione non serve più a nulla.
E' equilibrio delle forze che mantiele i denti al loro posto.
In un adulto si parla di un paio d'anni.
In alcuni casi tale equilibrio si sa in partenza che non può essere raggiunto, e allora la contenzione deve essere mantenuta per un tempo indefinito, ma tale condizione deve essere esplicitata prima.

Pensare a rinunciare a raggiungere un equilibrio funzionale a 11 anni...
Non lo posso accettare.

11 anni siamo al limite fra la possibilità di effettuare una terapia funzionale (quasi sempre con apparecchio mobile) e normalmente decisamente meno costosa o doverci rinunciare per una terapia meccanica (orrtodonzia fissa o allineatori trasparenti). Dipende se la ragazza sta raggiungendo il picco di crescita o meno, se è già mestruata o meno.

La terapia funzionale modifica le basi ossee e non si occupa di spostare i denti (sto semplificando troppo, ma mi serve per far capire), mentre la terapia meccanica sposta i denti ma non mette a posto le basi ossee.

Penso che lei debba sentire un terzo parere, scegliendo un SERIO E COMPETENTE professionista, di quelli che NON FANNO le "visite gratuite" o "senza impegno", che non sono altro che tentativi di vendita, che non lavorano nei centri commerciali o nelle catene, ma siano titolari del loro studio privato.

Capisco le ristrettezze economiche, ma se pensa che la parcella di un PROFESSIONISTA sia troppo costosa, lei non sospetta neppure quello che le costerà economicamente un incompetente.

A volte scegliere consapevolmente di NON EFFETTUARE terapie può essere la scelta migliore.

Ci rifletta.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, la ringrazio per il suo chiarimento.

Vorrei solo chiarire che non ci siamo affidati alle cliniche di tipo "catena", in quanto il primo preventivo lo abbiamo richiesto in uno studio convenzionato con il sistema sanitario nazionale, con un costo totale sui cinquemila e settecento euro;

il secondo preventivo lo abbiamo invece richiesto al nostro dentista di fiducia, trattasi di studio privato non convenzionato, ma il preventivo è solo di poco superiore.

La bambina è maturata velocemente e necessita di terapia meccanica, ma ammetto che sono davvero restia all'idea di farle estrarre un dente sano. Il dentista ci ha mostrato un esempio su un ragazzo con analogo problema e curato con tale terapia ed effettivamente nelle fotografie i denti erano di nuovo allineati, senza lasciare alcuno spazio, in quanto secondo il dentista appunto l'apparecchio riposiziona i denti, andando a coprire completamente la mancanza dell'incisivo. Però il pensiero che debba avere un dente in meno, fra l'altro sano, mi intimorisce.

Cercherò di rivolermi a un terzo studio come da lei suggerito. La ringrazio ancora.
[#5]
Dr. Sergio Formentelli Dentista, Gnatologo, Ortodontista, Odontostomatologo 7.4k 225 18
Il costo da lei riferito è dentro la media statistica di un trattamento ortodontico in libera professione.

Ci faccia sapere.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#6]
dopo
Utente
Utente
Sì, immaginavo. Ho preso appuntamento fra due settimane con un terzo studio privato, farò sapere. Grazie ancora.
[#7]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, ritorno come promesso dopo avere appena fatto fare una terza visita presso uno studio privato.
L'opzione numero 3 è che secondo l'odontoiatra, visto il caso della bambina un po' complicato, eviterebbe l'apparecchio fisso per affidarsi alla mascherina trasparente. Ci ha spiegato che in termini di efficacia non vi sono differenze rispetto all'apparecchio fisso. Secondo l'odontoiatra è vero che togliendo l'incisivo si andrebbe a creare spazio, ma con il rischio poi che la mandibola possa ancora protendersi e creare una situazione di malocclusione inversa e ritiene quindi che vi sia margine per risolvere con efficacia con la mascherina + contenzione.
Considerato che il suo problema non è semplicemente qualche dente storto, ma un sovraffollamento con mandibola inferiore leggermente inclinata avanti e che la bambina ha già le mesturazioni e quindi meno margine di crescita, l'apparecchio mobile come la mascherina è davvero efficace tanto quanto un apparecchio fisso? Il mio timore è che una volta adulta si ritrovi comunque con dei denti inversi o da togliere.
[#8]
Dr. Sergio Formentelli Dentista, Gnatologo, Ortodontista, Odontostomatologo 7.4k 225 18
Le mascherine, pur essendo mobili, sono l'equivalente di una terapia fissa (meccanica).

Non ho dati oggettivi...

Padova è troppo lontano da lei?

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#9]
dopo
Utente
Utente
Ahimè sì. Pensa che, se le mandassi almeno la panoramica (in formato DICOM) avrebbe modo di fornirmi un'opinione più precisa?
[#10]
Dr. Sergio Formentelli Dentista, Gnatologo, Ortodontista, Odontostomatologo 7.4k 225 18
Anche in jpg, più facile.
Ma la panoramica da indicazioni molto limitate.
Se nessuno dei colleghi le ha richiesto o eseguito una radiografia laterale dl cranio per approfondimenti diagnostici e per impostare con più precisione un piano di cura, forse è meglio che cambi ancora e si rivolga ad un quarto studio.
Prenda in considerazione Padova.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#11]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore,
oltre alla panoramica frontale è stata fatta anche una laterale, che mostra l'ossatura del cranio e parte del collo. Avrei anche lo stampo in gesso, ma per quello potrei soltanto fare delle fotografie, purtroppo siamo a 3 ore di sola andata in auto da Padova ed è un po' troppo. Penso di poterla convertire in jpg, ma dal suo profilo non trovo opzioni per l'invio di documenti. Mi faccia sapere se posso utilizzare l'email presente nel suo sito. Nel frattempo, sto attendendo il parere di un quarto specialista, che per il momento si è limitato a un parere sulla mascherina trasparente, che secondo lui rischierebbe di diventare poco gestibile per una bambina di 11 anni, se non estremamente responsabile con il suo utilizzo. Mi ha anche informata che la questione dell'espansione della mandibola inferiore nel tempo non è veritiera e che, casomai, avviene il contrario.
[#12]
Dr. Sergio Formentelli Dentista, Gnatologo, Ortodontista, Odontostomatologo 7.4k 225 18
Utilizzi pure l'email di contatto.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)