Utente
Salve dottori, sono ormai 7 mesi che sono affetto da una serie di dolori.
Da maggio 2010, ho cominciato saltuariamente ad avvertire un formicolio fastidioso al collo e tra collo e spalla sopra la scapola sia quando lavoravo al pc che quando ero sdraiato sul divano. A giugno, poiché il fenomeno era ancora presente e si era cominciato a estendere anche al braccio fino alla parestesia del mignolo e anulare della mano, decido in comune accordo con il medico di famiglia di eseguire una RM la quale documenta: lieve bulging del complesso disco-anulare C4-C5 con segni di iniziale discopatia degenerativa. Piccola ernia discale sotto articolare sn in C5-C6 e sotto raticolare dx in C6-C7. Regolare ampiezza del canale vertebrale. Non si apprezzano alterazioni segnale del midollo. Inversione della lordosi cervicale. Preso atto del quadro mi accorgo che la situazione non è bellissima ma sembra recuperabile. A Luglio 2010 un incidente stradale (tamponamento) complica la situazione, al formicolio tra collo e spalla sopra la scapola e al collo si associa dolore nelle due zone, e il formicolio al mignolo e all’anulare diventa più persistente e continuo, inoltre avverto una sensazione al braccio come se non passasse il sangue il braccio è rfreddo, e come se avesse perso sensibilità avvertendo anche una lieve perdita di forza nella presa della mano. In pratica ad oggi non posso stare seduto un attimo perché da subito si manifesta dolore nelle zone indicate mentre il formicolio alla dita è continuo dalla sera alla mattina. Trovo beneficio solo nell’alzarmi e camminare. Spaventato dalla situazione ripeto RM e aggiungo EMG per il problema mano-braccio. La nuova RM colonna cervicale recita: Rettilineizzazione della fisiologia. Protusione discale C3-C4 più accentuata in sede paramediana dx. In C5-C6 si apprezza protusione discale ad estrinsecazione mediana paramediana sn con estensione al forame di coniugazione omolaterale ; piccola ernia discale mediana paramediana dx in C6-C7. A livelli sopradescritti concomitano impronte a piccolo raggio sul profilo ventrale del sacco durale. Canale vertebrale di ampiezza regolare . Regolare il calibro del midollo cervicale. Mentre le conclusioni dell’esame di EMG sono: segni emgrafici di moderata radicolopatia C6-C7 sx. Segni elettroneurografici di sofferenza del n. ulnare sx al gomito di discreta entità con segni di denervazione in atto. Il primo ortopedico a cui ho fatto vedere questa documentazione medica mi ha fatto fare primo ciclo di fisioterapie costituite da: 10 sedute di mobilizzazioni vertebrali cervicali + 10 sedute di massoterapia decontratturante cervicale + 10 sedute laser CO2 cervicale + Normast 600 microgranuli per un mese. Non avendo sortito nessun effetto benefico mi viene prescritta, sempre dopo visita ortopedica, un secondo clico terapico composto da: 10 sedute di massoterapia decontratturante cervicale + 10 di Tens cervicale. Ad oggi non avendo migliorato, nemmeno marginalmente, il mio problema mi sono rivolto ad un altro ortopedico che mi ha prescritto nicetile, lyrica, expose, escudendo ogni forma di fisioterapia. Ora, voglio chiedervi, prima di iniziare la cura se secondo voi è idonea, visto che questa volta sono medicine e non massaggi. Se eventualmente vorreste proporre alternative è consigli alla per la mia situazione vi sarei eternamente grato. In fine volevo chiedere se secondo voi il tamponamento ha giocato un ruolo sostanziale sui problemi sopra citati oppure in ogni caso si sarebbe manifestato tutto con o senza incidente. Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile utente, non ci dice quale è il braccio incriminato, se il destro o il sinistro. Non potendola visitare non passiamo comunque esprimere giudizi assoluti né consigliare terapie. Mi permetto però di consigliarle di seguire la terapia suggerita dall'ortopedico, visto che lui l'ha potuta visitare e quello che le ha prescritto sembra in linea col sospetto diagnostico. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#2] dopo  
Utente
ha ragione il braccio in questione è il sinistro

[#3]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Bene, allora i problemi possono essere due, e tutti e due allo stesso arto: la piccola ernia cervicale C6-C7 destra che schiaccia il nervo che arriva alle ultime due dita, e la compressione del nervo ulnare al gomito che dà anch'essa formicolio alle ultime due dita. Per capire quale di queste due cause è la maggiore, perché la compressione del nervo al gomito si potrebbe anche operare e risolvere, serve una accurata visita ortopedica con tests specifici. Chieda al suo ortopedico chiarimenti sulle due cose che le ho detto, visto che essendo un consulto on-line abbiamo dei limiti ovvi. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie Dr. Gianni Nucci della rispost. Quali sono i test specific, di cui le parla, che potrei fare per capire meglio il problema?

[#5]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Sono delle manovre che deve fare il medico per vedere se c'è un interessamento sintomatico anche dell'ulnare al gomito, tipo test di tinel, flessione prolungata del gomito, etc. Devono ovviamente essere fatti da uno specialista!
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it