Utente
Egregio prof. ho una sorella di circa 13 anni che frequenta da anni scuola di danza. Non ha mai lamentato alcun dolore. Ultimamente avverte un dolore al collo e alla schiena. Su richiesta del medico la abbiamo sottoposta a questo esame radiografico:
RX COMPLETA DELLA COLONNA IN ORTOSTATISMO col seguente risultato:

Rotoscoliosi destro-convessa del rachide dorsale:
angolo di scoliosi di 30°.
Conservata la lordosi lombare e la cifosi dorsale;
invertita la lordosi cervicale. Creste iliache parilivellate.
Conservati i rapporti coxo-femorali.
Vorrei sapere da Voi l'importanza del caso. Cosa ci consigliate di fare? A chi possiamo rivolgerci?
In attesa di una Vostra risposta Vi ringrazio cordialmente.

[#1]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
E' necessaria la valutazione ortopedica e il veorismile successivo trattamento fisioterapico del caso.
Cordialità
Dr Simone Cigni

[#2]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile sig. na Giovanna una scoliosi di 30° , se ovviamente la misurazione è stata eseguita correttamente e con il metodo esatto, è una scoliosi seria che va immediatamente curata senza ulteriori indugi,in quanto tale patologia è progressiva con l'età ; e la precocità del trattamento è il primo passo verso una correzione di tale patologia dell'accrescimento.
Va senz’altro fatto un busto correttivo .
Se in Avellino o dintorni non sa a chi rivolgersi, le consiglierei o il Santo Bono di Napoli,Ospedale Pediatrico, o l'istituto Pubblico Bambin Gesù (Palidoro -Roma) uno dei massimi Centri di Eccellenza in Italia per l'Ortopedia Pediatrica e sopratutto per i dismorfismi della colonna vertebrale.
Può rivolgersi in Ospedale al Dott. Giancarlo Giglio, uno dei massimi esperti italiani in tali patologie.
Cordiali saluti
Aessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo// Fisiatra
Messina
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#3] dopo  
Utente
Egregio Prof. Caruso
grazie per la sua pronta risposta.Abbiamo provveduto subito a far visitare la ragazza a Napoli e ci hanno consigliato un corsetto del tipo CHENEAU.Cosa ne pensa Lei?Comunque appena possibile ci recheremo anche a Palidoro-Roma dal Dott. da Lei indicatoci.
Ancora grazie, in attesa di una Vostra risposta salutiamo cordialmente.

[#4]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gentile signorina Giovanna, non è tanto il nome e la marca, sarebbe come la marca di un vestito, quanto il tipo strutturale del busto o corsetto correttivo.
Sono importanti e findamentali :
La misurazione esatta della o delle curve scoliotiche
Il giusto modellamento dopo il calco di gesso
La massima accuratezza nel contrassegnare i punti di appoggio.
La massima attenzione nell’individuare e contrassegnare i punti a rischio.
Che tipo di scoliosi è : dorsale alta o bassa?
La curva è compensata o scompensata ?
Bisogna misurare e/o valutare le radiografie ed esaminare la colonna vertebrale per dare risposte certe e chiare e programmare il giusto corsetto in polietilene con i corretti punti di appoggio.
Il corsetto va tenuto in genere per 14-15 ore al giorno !!!
Nuoto o ginnastica correttiva, anche se non sempre indispensabili, vanno solamente bene!!!!
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo// Fisiatra
Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#5] dopo  
Utente
Egr. Prof. Caruso,
siamo stati dal dott. Giglio il quale ci ha detto che trattasi di scoliosi combinata idiopatica evolutiva: 43/44° D=L D5 D11 L4
gibbo: D7 25 da L2 15,,,,, trattamento lionese di procrastinazione.
Ha consigliato il gesso. Ha richiesto RMN dorsale e lombare.
Data l'importanza del caso ci siamo recati anche dal direttore di ortopedia del policlinico Gemelli che confermando i circa 40° richiedeva nuove radiografie in ortostatismo e proiezioni laterali consigliando un tutore per 21 ore al giorno sconsigliando l'ingessatura. A questo punto qual'è il Suo parere?Cosa fare?
In attesa come sempre di una Sua rassicurante risposta Le inviamo i nostri più cordiali saluti.

[#6]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
HA VISTO SIG.NA GIOVANNA, CHE AVEVO RAGIONE A DARE SERIA IMPORTANZA AL CASO CLINICO DI SUA SORELLA !!!
Non scherziamo, GIOVANNA, CHE 43-44° DI CURVA SCOLIOTICA SONO TANTI ; E' UNA BRUTTA SCOLIOSI GIà AVANZATA E VA CURATA RIGOROSAMENTE BENE!!!
PER FORTUNA CHE SUA SORELLA HA APPENA 13 ANNI, QUINDI TANTO MARGINE DI MIGLIORAMENTI E DI CORREZIONE.
SONO SENZ'ALTRO DELL'IDEA CHE, CON OLTRE 40° DI CURVA, SIA INDISPENSABILE UN BUSTO GESSATO PER 2-3 MESI E POI PASSARE AI CORSETTI CORRETTIVI.
l'INGESSATURA E' TEMPORANEA SOLO ALL'INIZIO, PER I PRIMI MESI , PER DARE LA PRIMA FORTE CORREZIONE, POI SINO AI 18 ANNI AVRA SEMPRE IL CORSETTO IN POLIETILENE .
SI PUO' AFFIDARE TRANQUILLAMENTE AL COLLEGA GIGLIO. E' UN'AUTORITA' IN CAMPO NAZIONALE NELLE ALTERAZIONI DELLA COLONNA VERTEBRALE COME LA SCOLIOSI .
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo// Fisiatra
Messina

Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -