Utente
Buon Giorno il 22/12/2006 durante il lavoro ho subito uno strappo al gemello mediale del polpaccio della gamba sinistra, a seguito di tale strappo, ho eseguito una ecografia al polpaccio che ha rivelato un versamento di liquido di dimensioni 7x4 cm (o poco più non ricordo bene). Mi hanno in parte aspirato questo versamento, ma poi mi si è riformato. Morale della storia sono dovuto stare immobile per circa 3 o 4 mesi finchè il versamento non si fosse riassorbito, durante tale periodo mi sono sottoposto come da prescrizione medica a diverse sedute di teca-terapia (circa 13), verso la fine di questo periodo, scendendo le scale (di una scala a chiocciola), la gamba sinistra mi è scivolata e mi ha sbilanciato all'indietro, per non battere la colonna vertebrale contro lo spigolo dello scalino, ho fatto forza con la gamba destra per diminuire la velocità di caduta, ma questo ha causato lo scarico del peso corporeo sul quadricipite della gamba destra che aimè si è strappato anche lui, ora a distanza di circa un anno sento e riaccuso delle fitte al polpaccio sinistro e quando lo vado a massaggiare sento nella parte bassa del polpaccio vicino al tendine d'achille, tutta una fascia rigida, e penso che sia la cicatrice che mi ha causato lo strappo, nel quadricipite (e quindi nella parte superiore della gamba destra) invece ho proprio un buco che penso sia causato dal ritirarsi dei fasci muscolati del quadricipite (che penso sia diventato ormai un tricipite). Comunque se devo essere proprio sincero il quadricipite non mi da molto fastidio, be non è certo bello da vedere, ma comunque ci convivo, è il polpaccio a darmi più pensiero, perchè vivo con il terrore di un nuovo strappo, che mi causerebbe gravi problemi al lavoro!!!

Be questa è la mia storia, ora vorrei sapere come fare a riacquistare forza nel polpaccio strappato (che è quello che mi da più noie), pensavo a prendere ciclicamente della creatina con aminoacidi ramificati a seguito di un po' di palestra, ma non vorrei che la palestra mi danneggiasse ulteriormente! Altra problematica è il lavoro chemi richiede una buona prestanza fisica che triste a dirsi ho visto diminuire drasticamente a seguito di questo incidente.

Come fare? E' possibile rimediare al danno subito, mi sono fatto vedere anche dal mio ortopedico, ma lui mi ha detto che il polpaccio ormai rimarra così, ed anche per il quadricipite non ci si può fare niente perchè non si può operare.

Così sono giunto (cercando un po' su internet a voi). Potete aiutarmi?

Grazie

[#1]  
Dr. Michele Milano

48% attività
0% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
purtroppo credo proprio che il collega che l'ha visitato ha ragione.
Non credo ci sia molto da fare.
Consulti comunque un fisiatra.

Tanti auguri
Dr. M. Milano
drmilano@libero.it - www.lamanoedintorni.altervista.org
NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale