Utente
Da circa cinque mesi accuso un dolore ad entrambi i polpacci, quasi sempre al mattino appena sveglio se tendo le gambe sento tirare la zona tra il polpaccio e la parte posteriore del ginocchio. Ho effettuato eccolordoppler arti inferiori (tutto nella norma), risonanza rachide lombo-sacrale (lieve salienza discale l4-l5), emg arti inferiori (tutto nella norma), esami del sangue compreso cpk (tutto normale). Il dolore persiste e sinceramente non so più a che santo votarmi, non so a quale specialista rivolgermi per cercare di risolvere il problema. A volte dopo che sono stato seduto mi alzo e sento dolore.Da qualche giorno ho fascicoalzioni ovunque e soprattutto ai polpacci. Ho anche un dolore coccigeo cronico che non so se possa agevolarvi nella diagnosi o nell'indicazione dello specialista giusto a cui rivolgermi. Distinti Saluti

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il dolore coccigeo non ritengo possa essere correlato alla situazione di dolore ai polpacci.
Per quanto riguarda la sua sintomatolgia quello che posso dirle e' che lei ha eseguito tanti esami specialistici ma dal suo racconto non senbra aver eseguito nessuna visita clinica specialistica.
Nell'ordine eseguirei:
Visita angiologica poi se negativa ---> Visita ortopedica poi, se negativa, ---> Visita neurologica.
Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto la ringrazio per la risposta.
Ma la visita angiologica non consiste nell'ecocolordoppler? me l'ha effettuatata un angiologo.
Inoltre ho fatto emg e risonanza su indicazione dell'ortopedico che mi ha visitato circa un mese fa e mi ha liquidato con una banale lombosciatalgia.

Distinti saluti

[#3]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
No un conto e' la visita angiologica un conto e' l'esame eco-color.
Si faccia fare una bella visita angiologica.
Saluti

Dr. Roberto LEO