Utente
In seguito ad un incidente avuto il 04/06/2006 in cui ho lussato la spalla sx,che ho rimesso a posto da solo,dopo 10gg di terapia(laser,tens e ginnastica) sentendo ancora dolori e avendo problemi a muoverla il 19/07/2006 mi hanno fatto un'ecografia;il referto è il seguente: ECOGRAFIA DELLA REGIONE SCAPOLARE SX -L'esame ecografico,eseguito con sonda lineare SM - Parts,ha evidenziato,in corrispondenza dell'articolazione acromion-clavicolare sx, un accenno a disallineamento acromion-clavicolare per lievissimo spostamento craniale dell'estremità laterale della clavicola,nonchè netta disorganizzazione ecostrutturale capsulo-legamentosa,sul versante acromiale,come per postumi di rottura di un discreto contingente di fibre. Nulla di notevole per il resto. La mia domanda è:cosa vuol dire tutto questo?e che terapia mi consigliate?

[#1]  
Dr. Mario Borroni

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROZZANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Innanzi tutto sarebbe importante saper se l'articolazione interessata è la gleno-omerale o l'acromion claveare.
Dalla descrizione sebrerebbe trattarsi (più che di una lussazione vera) di una sublussazione gleno omerale: la spalla ha cercato di lussarsi, ma è rientrata da sola.
Un esame ecografico non può in genere dire nulla sulla lesione eventualemte presente.
Sarebbe più indicato una visita specialistica ed eventualemte un esame specifico cioè una risonanza magnetica con mezzo di contrasto intra articoalre, oltre ad una semplice radiografia della spalla.
Fino ad allora è molto difficile suggerire una eventuale terapia

[#2]  
Dr. Giorgio Caspani

24% attività
0% attualità
0% socialità
BERGAMO (BG)
ALBANO SANT'ALESSANDRO (BG)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2006
Gentile utente, difficile ridurre una lussazione scapoloomerale "da solo". MNolto probabile che il dolore persitente sia prodotto dai postumi di una distorsione di secondo grado della acromoncalveare. Non risparmi l'effettuazione di un esame di primo livello come la radiografia della spalla in priezioni standard e per la acromionclaveare. La MNR aggiungerà dati sulle eventuali lesioni delle strutture tendinee e capsulari della sua spalla.
Cordialmente.

[#3] dopo  
Utente
Salve,
nel messaggio precedente col titolo mi sono dimenticato di aggiungere i seguenti sintomi:a volte quando faccio movimenti bruschi con la spalla sento uno "scrocchio",però il dolore mi corrisponde sul gomito come se avessi un ago dentro.Il secondo,chiamiamolo sintomo,e che quando tengo il braccio rilassato lungo i fianchi e lo metto in trazione verso il basso,avviene un enorme distacco fra la testa dell'omero e l'acromion,riesco quasi a farci passare il dito nel mezzo.Sotto consiglio del Dr. Mario Borroni ho fatto una visita specialistica per approfondire meglio le condizioni della spalla;di seguito troverete il referto rilasciatomi dall'ortopedico:

Instabilità posteriore spalla sinistra in esito a trauma contusivo con riferita lussazione scapolomerale.
Clinicamente presente un abbassamento della testa omerale con ipotrofia dei muscoli del cingolo scapolare.Dolore spontaneo e provocato in regione posteriore.Limitati tutti i movimenti a 5 gradi estremi,l'intera rotazione è limitata di 1/4,l'extrarotazione è limitata di 1/2.
Si consiglia,visto il tempo trascorso dall'evento traumatico,potenziamento muscolare dei muscoli del cingolo scapolare associato a Kinesiterapia attiva e passiva,ultrasuoni e tecarterapia per almeno complessive 20 sedute.
Appena finita la terapia sottoporsi ad esame RMN (mi ha detto senza contrasto).

L'ortopedico in fine ha aggiunto che se con questa terapia non si dovesse sistemare la spalla dovrei essere operato per mettere una placca che ristabilisca l'equilibrio della spalla in modo da evitare future lussazioni o sub-lussazioni.
adesso vi chiedo:potete spiegarmi un pò la situazione in base a questo referto?è grave quello che mi è stato riscontrato?può essere evitata la placca?quante possibilità ho di guarire?
Vi ringrazio.
Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Utente
Per favore potete rispondere alle mie domande.

[#5]  
Dr. Mario Borroni

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROZZANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
direi che vista la situazione attuale il trattamento fisoterapico va bene.
Ritengo che per il momento l'approccio intrapreso sia corretto.
Rivaluterei la sintomatologia dopo l'esecuzione della riabilitazione, eventualmente alla luce dell'esame RM
Cordiali Saluti.

[#6] dopo  
Utente
Ho fatto la RMN di seguito vi riporto il referto dell'esame:


RM SPALLA SN (SENZA CONTRASTO)
L'indagine R.M. è stata eseguita con tecnica TSE,secondo i piani assiale,sagittale e coronale,con sequenza T1 e T2 pesate e con sequenza STIR per la soppressione del segnale del grasso.
Conservata l'ampiezza dello spazio subacromion-clavicolare,con sottile banda di iperintensità di segnale lungo il decorso del tedine del sovraspinoso,come da iniziale lesione dello stesso,con trofismo muscolare conservato.
Concomita piccola raccolta nella borsa subacromiale.
Distacco parziale dell'angolo antero-superiore del cercine glenoide,compatibile con postumi traumatici.
In sede il tendine del capo lungo del bicipite,con modesta distensione della sua guaina a carattere tenosinovitico.
Indenni i tendini del sottospinoso e del sottoscapolare.

Inoltro ho fatto anche una radiografia con carico di 2Kg bilateralmente ed è visibile come la testa dell'omero si distacca dall'acromion di un bel pò.
Spero che adesso potete spiegarmi un pò meglio la situazione.
Grazie di tutto.
Cordiali saluti.

[#7] dopo  
Utente
Dimenticavo di aggiungere che la RMN è stata eseguita dopo 20 sedute di fisioterapia che secondo me sono state inutili dato che le condizioni della spalla non sono migliorate.
Grazie ancora.

[#8]  
Dr. Mario Borroni

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROZZANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Alla luce della RM eseguita ritengo utile sottoporsi a nuova valutazione presso specialista di fiducia.
Ritengo comunque indicato la prosecuzione del trattamento fisioterapico e solo in caso di persistenza della sintomatologia o di "disagio" della spalla è ipotizzabile un eventuale trattamento chirurgico possibilmente artroscopico.
a presto

[#9] dopo  
Utente
Finalmente sono giunto al termine,allora,sono stato dallo specialista che mi ha rilasciato il seguente referto:

Instabilità articolare spalla sinistra in esito a lussazione,con lacerazione del cercine glenoideo e lassità di tutti i componenti dell'apparato capsulare.
Si consiglia ricovero per intervento di plastica ricostruttiva.

L'intervento verrà eseguito "a cielo aperto" e in anestesia totale.
Che ne pensa della decisione dell'ortopedico?e che vuol dire "intervento di plastica ricostruttiva"?
Ringrazio il Dr. Borroni per le risposte.
Distinti saluti

[#10]  
Dr. Mario Borroni

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROZZANO (MI)
MILANO (MI)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Vuold ire che verranno riattaccate le strutture caspulolegamentose che si sono staccate con il trauma.
E' questa una procedura che può essere eseguita sia per via artroscopica (attraverso 3 piccoli fori) che per via aperta (cioè con un taglio più ampio).
In bocca al lupo