Utente
Cari dottori, sono un ragazzo di 20 anni e a inizio luglio ho avuto la febbre alta per 3 giorni e placche alla gola con gonfiore ad alcuni linfonodi del collo.
Da allora ho notato che la mia lingua continua a presentare una patina bianca, spessa verso il fondo della lingua e leggerissima, più che altro una sorta di lingua pallida scendendo verso l'estremità della lingua.
Due settimana fa sono stato dal medico e mi ha detto che ho un infiammazione alla gola, ho fatto la cura ma la patina persiste ed inoltre noto un infiammazione delle papille gustative. Oggi sono stato di nuovo dal medico, mi ha visitato ancora e non ha trovato problemi di alcun genere, c'è solo quella patina bianca e le papille gustative infiammate ma non sa a cosa è dovuto.
E' probabile che la febbre avuta a luglio sia stata causata dalla mononucleosi e i medici non si sono accorti di questa patologia? E che quindi mi stia portando appresso strascichi post mononucleosi.
A fine giugno, 4-5 giorni prima che mi venisse la febbre ho fatto anche le analisi del sangue ma è risultato tutto ok. L'infiammazione della mia lingua può essere causata dalla cattiva alimentazione?
Premetto di essere un ragazzo molto ansioso e ho letto che in molti casi l'ansia produce quantità eccessive di muco, quindi il muco alla gola può essere causato da un forte stato ansioso?
Ho paura perchè ho letto che la patina bianca e l'infiammazione delle papille gustative possono essere sintomi di Hiv.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non ti conosco personalmente e, quindi, non conosco le tue abitudini di rapporto od altro. Comunque sia, mi sembra eccessivo pensare subito all'Hiv. Per capire se hai contratto la mononucleosi, è sufficiente fare un prelievo per il citomegalovirus ed ebv; per la patina bianca della lingua, un tampone linguale per la ricerca di germi patogeni e miceti. Altra causa per la lingua, una irregolarità della funzione intestinale. Purtroppo, da lontano, non posso esserti molto di aiuto. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori