Utente 528XXX
Salve, sono circa due anni che mi porto questo fastidio alla gola, ho controllato dala medico dice che è tutto a posto me io non penso sia così, il disagio e iniziato dopo aver avuto una contrazione anomala dei muscoli del corpo in particolare quelli della gola dopo essermi calmato iniziai a sentire mentre ingoiavo uno strano spostamento che partiva dalla gola e cammina nella parte interna dello sternocleidomastoideo destro fino ad arrivarrivare al centro delle clavicole per poi scomparire dopossum aver fatto visite ed accertamenti non è venuto fuori nulla, ad oggi sto iniziando a riscontrare problemi di deglutizione in parole semplici quando ingoio la saliva, avvolte si inceppa il pomo d'Adamo si chiude la gola e la saliva non scende giù per poi ritornare tutto alla norma, quando chino la testa in avanti magari per vedere il telefono mentre sono sul letto e provo a ingoiare in questa posizione sento il pomo d'Adamo che fa un suono secco interno: "top".
Se continuo a rimanere in questa posizione ed ingoiare pian piano inizio a sentire dolore proprio al pomo d'Adamo, e sono costretto ad alzarmi e rimanere qualche secondo col collo dritto per calmare il dolore ho già fatto una cura con anti infiammatoria prescritta proprio dall' otorinolaringoiatria che mi ha visitato 4 5 mesi fa la cura ha tolto soltanto il dolore ma il senso che la gola non funzionasse bene e rimasto ora mi sto preoccupando per il fatto che la gola inizia a incepparsi come ho scritto prima e sta tornando a far male. Grazie in anticipo per la considerazione.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Da cio' che riferisci, probabilmente il sintomo deriva da un suo stato ansioso. Poiché, invero, non dobbiamo mai fermarci sulle supposizioni, per sua tranquillità, le consiglio di prenotare una visita specialistica foniatrica presso l'ambulatorio dell'Ospedale della sua Città. Attraverso dei particolari esami diagnostici, verrà studiata la deglutizione.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori